Le donazioni alla Comunità di Sant'Egidio sono fiscalmente deducibili
secondo la normativa vigente
 
Anche quest'anno è possibile destinare il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio
Scrivi il numero 80191770587 nella dichiarazione dei redditi

Andrea Riccardi: sul web

Andrea Riccardi: sui social network

Andrea Riccardi: la rassegna stampa

change language
sei in: no pena di morte - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

 
16 Luglio 2011 | ZIMBABWE

Zimbabwe

Nessuno disposto a uccidere, esecuzioni bloccate da 7 anni

 
versione stampabile

AGI

ZIMBABWE: NON SI TROVA UN BOIA, ESECUZIONI BLOCCATE DA 7 ANNI

Harare, 14 lug. - Boia cercasi in Zimbabwe: sono almeno 55 i detenuti nel braccio della morte che attendono da anni di essere giustiziati perche' nessuno ha risposto ai bandi per assumere un carnefice. La singolare emergenza e' emersa nel corso di un dibattito parlamentare a Harare sullo stato delle prigioni nel Paese africano. "A causa della mancanza di un boia", ha spiegato la senatrice Enna Chitsa, "vi e' un detenuto chiuso in prigione di 13 anni, malgrado sia stato condannato a morte". "Dice che si sente come se venisse impiccato ogni giorno", ha denunciato la senatrice.
L'ultima esecuzione in Zimbabwe risale al 2004: l'anno seguente il boia ufficiale e' andato in pensione e da allora, malgrado i 'concorsi' banditi dal governo, nessuno ha presentato domanda. "Nel nostro Paese i boia ci sono, probabilmente abbiamo fatto troppi pochi bandi", ha commentato il senatore Morgan Femai, che per risolvere il problema ha

proposto di graziare i condannati.

 

ANSA

ZIMBABWE: RESSA DI CONDANNATI A MORTE, MA MANCA IL BOIA

JOHANNESBURG, 14 LUG - Almeno 55 condannati a morte in Zimbabwe aspettano la loro esecuzione capitale, il piu' vecchio da ben 13 anni: ma il governo non puo' fare eseguire le sentenze, perche' non trova neanche un boia da ingaggiare. Lo afferma la senatrice Enna Chitsa, citata dal quotidiano governativo Herald.
''L'impossibilita' di trovare un boia fa si' che un uomo debba passare 13 anni in prigione, mentre vorrebbe subire subito la sentenza capitale'', ha detto la senatrice in un dibattito parlamentare: ''lui dice che lo impicchiamo un po' ogni giorno, perche' sa che prima o poi finira' ucciso''. Un altro senatore, Morgan Femai, ha addirittura proposto che i condannati vengano graziati.
L'ultima esecuzione nello Zimbabwe risale al 2004, e da allora il governo ha regolarmente pubblicato annunci sui giornali per trovare un boia. Nel dibattito parlamentare un'altra senatrice, Monica Mutsvangwa, ha deplorato il lamentabile stato delle stesse prigioni del Paese, dove i detenuti vengono mal nutriti e dormono su misere coperte, senza brande.

 

AFP

Le Zimbabwe recherche vainement un bourreau

JOHANNESBURG, 14 juil 2011 - Au moins 55 condamnés à mort au Zimbabwe attendent leur exécution, depuis 13 ans pour le plus ancien d'entre eux, car le gouvernement ne parvient pas à trouver un candidat pour occuper la fonction de bourreau, selon une sénatrice.
"L'impossibilité de trouver un bourreau fait qu'un homme vient de passer 13 ans en prison, alors qu'il est condamné à mort", a déclaré Enna Chitsa, citée par le quotidien gouvernemental Herald, lors d'un débat au Sénat (chambre haute du parlement).
"Il dit qu'on le pend un peu chaque jour, parce qu'il sait qu'il finira par être exécuté", a ajouté la sénatrice.
Un autre sénateur, Morgan Femai, a appelé le gouvernement à grâcier les condamnés à mort.
La dernière exécution au Zimbabwe remonte à 2004, et le gouvernement a régulièrement publié des annonces dans la presse pour pourvoir le poste de bourreau, vacant depuis 2005.
Certains condamnés, engagés dans des procédures d'appel, attendaient déjà depuis plusieurs années leur exécution à ce moment-là.
La sénatrice Monica Mutsvangwa, au cours du même débat, a en outre déploré l'état lamentable des prisons du pays, où les détenus sont selon elle mal nourris et ne disposent pour tout bien que d'une couverture par personne.

NEWS CORRELATE
20 Agosto 2016
STATI UNITI
PENA SOSPESA PER JEFF WOOD

L'ESECUZIONE DI JEFFERY WOOD NON AVRA' LUOGO


LA SUA ESECUZIONE ERA STATA FISSATA PER IL 24 AGOSTO 2016
5 Luglio 2016
CONAKRY, GUINEA
L'abolizione della pena capitale era stata indicata come possibile dal Ministro della Giustizia Cheik Sako nel corso del Convegno promosso a Roma dalla Comunità di Sant'Egidio lo scorso febbraio

Guinea-Conakry: il parlamento ha approvato l'abolizione pena di morte dal codice penale


E' il primo passo per passare dalla moratoria de facto alla moratoria de jure. L'abolizione sarà la tappa successiva
25 Giugno 2016
OSLO, NORVEGIA
Marazziti presenta l'iniziativa della Comunità di Sant'Egidio

"Citiesforlife" a Oslo, come metodo per continuare nella via dell'abolizione #AbolitionNow


A Oslo la marcia degli abolizionisti per le strade della città
20 Giugno 2016
OSLO, NORVEGIA
Inizia oggi il VI Congresso Mondiale Contro la Pena di Morte a Oslo

La Comunità di Sant'Egidio partecipa al Congresso di Oslo con una delegazione da Italia, Congo, Belgio, Spagna, Germania e Indonesia


Sono 1500 gli iscritti provenienti da oltre 80 paesi del mondo, tra loro 20 ministri, 200 diplomatici, parlamentari, accademici, avvocati, associazioni e membri della società civile
4 Giugno 2016
CITTÀ DEL VATICANO
No alla pena di morte e all'ergastolo: "Una pena senza speranza è tortura"

Papa Francesco parlando ai magistrati e giuristi del mondo torna a dire No alla pena di morte

24 Maggio 2016
INDONESIA
La Comunità di Sant'Egidio in Indonesia e le associazioni indonesiane impegnate in difesa dei diritti umani come Kontras, Imparsial, Elsam, Lbh Masyarakat, chiedono di fermare le esecuzioni

La Chiesa e la società civile si mobilitano contro le esecuzioni capitali


Giacarta è tra le 15 città indonesiane dove negli anni scorsi si è tenuta la manifestazione "Città per la vita, città contro la pena di morte" organizzata da Sant'Egidio in oltre duemila comuni nei cinque continenti
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
4 Giugno 2016
The Washington Post

Meet the red-state conservatives fighting to abolish the death penalty
23 Maggio 2016
AP

Malaysian death row convict loses final appeal in Singapore
23 Maggio 2016
AsiaNews

Vescovo filippino: È presto per giudicare il contraddittorio Duterte. No alla pena di morte
14 Maggio 2016
Ilsole24ore

Pfizer blocca i farmaci per la pena di morte negli Usa
14 Maggio 2016
La Stampa

Pena di morte, Pfizer blocca l’uso dei suoi farmaci per le iniezioni letali negli Usa
tutta la rassegna stampa correlata

VIDEO FOTO
53
Video promo Cities for Life 2015
3:22

1 visite

1 visite

7 visite

6 visite

7 visite
tutta i media correlati