Le donazioni alla Comunità di Sant'Egidio sono fiscalmente deducibili
secondo la normativa vigente
 
Anche quest'anno è possibile destinare il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio
Scrivi il numero 80191770587 nella dichiarazione dei redditi

Andrea Riccardi: sul web

Andrea Riccardi: sui social network

Andrea Riccardi: la rassegna stampa

change language
sei in: no pena di morte - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

 
17 Luglio 2011 | PAKISTAN

Pakistan

Paul Bhatti: è opportuno lavorare in silenzio per salvare Aasia Bibi

 
versione stampabile

AVVENIRE

Asia Bibi  - Bhatti: lavoriamo in silenzio, strategia che paga

Paul Bhatti, esperienza biennale come medico in Italia ma rientrato in Pakistan lo scorso marzo dopo l’assassinio del fratello Shahbaz, è personaggio di riferimento per l’impegno di pacificazione e integrazione della comunità cristiana del suo Paese. Ancor più dopo il decentramento del ministero per le Minoranze, di cui è stato a capo per un breve periodo. Bhatti, che è Consigliere speciale del Primo ministro per gli Affari delle Minoranze religiose, presiede anche l’Alleanza di tutte le minoranze del Pakistan, organizzazione impegnata a sostenere una maggiore presenza dei cristiani nella politica e nella società.
Da tempo su Asia Bibi sembra essere sceso il silenzio: forse perché la sua vicenda è considerata superata o senza speranza?
No. Asia Bibi non è condannata a morte da una sentenza definitiva. Quello che stiamo cercando di fare è di proteggerne l’incolumità e insieme di cercare un accordo con i giudici, ma tenendo un basso profilo, per non inasprire gli animi. Sono il primo a dire che il silenzio su quanto sta succedendo alle minoranze nel mio Paese, a Asia e ad altre come lei non è accettabile, ma al momento non c’è altro da fare che cercare compromessi. Posso aggiungere che la vicenda di Asia Bibi ha commosso e anche sconvolto, ma che risolvendo il suo caso non risolveremmo il problema. Quello che vogliamo come comunità cattolica è arrivare a un cambiamento reale, non un impegno sui singoli casi...
Asia Bibi però sembra essere diventata pretesto per un inasprimento delle pressioni sui cristiani e delle minoranze, come pure sui musulmani moderati: è così?
Sì è così, ma ciò conferma anche la buona volontà del governo che a sua volta è in difficoltà. Ho faticato anch’io, abituato a pensare all’italiana, a capire come fosse più opportuno agire. Alla fine ho compreso che occorre puntare comunque a un risultato, anche se all’apparenza inferiore alle aspettative. Ha un senso, sia  per ottenere giustizia in tempi brevi, sia per salvaguardare a lungo termine gli interessi delle minoranze.
Quali sono i pericoli reali per la convivenza in Pakistan e per la comunità cristiana dopo la cancellazione del ministero che in passato fu affidato a suo fratello?
In teoria i problemi non dovrebbero essere di rilievo. Per due ragioni. Intanto perché con la legge sull’autonomia regionale approvata due anni fa, la tutela delle minoranze deve essere trasferita in buona parte a livello provinciale. Se ci sono stati o ci saranno problemi, a questo punto, non credo siano attribuibili a mala fede, ma al fatto che il governo non ha serenità e stabilità e quindi certe procedure restano inattuate. In secondo luogo, perché si dovrebbe andare entro poche settimane verso la formazione di un altro dicastero cui affidare, tra l’altro, il rispetto dei diritti umani. Va detto che negli ultimi mesi il ministero per le Minoranze, ora abolito, ha avuto un potere effettivo solo sotto mio fratello Shahbaz. Se anche il ministero fosse sopravvissuto, non ci sarebbe stato nessuno in grado ora di garantirne un funzionamento efficace. Prima di Shahbaz c’era chi riteneva in buona fede che i cristiani non avessero veri problemi, perché non erano proposti ufficialmente e nemmeno c’era una forte attenzione internazionale.
In che modo lei e altri attivisti per i diritti delle minoranze pensate di agire?
Credo che debba nascere un forum dove vengano identificati i problemi e da cui escano soluzioni. Non un forum politico, però, che non funzionerebbe. Occorre lavorare al di fuori dell’ambito istituzionale sul doppio fronte del sostegno concreto alle situazioni di difficoltà dei cristiani e delle minoranze, per avviarle a una vera integrazione, e sulla sensibilizzazione per la giustizia. Manifestazioni e proteste non aiutano ad essere accettati, mentre assai più efficace è il dialogo, locale e internazionale. Per questo mi sento di lanciare un appello alla comunità internazionale, a partire dall’Italia: se ritengono giusti i nostri obiettivi, le diplomazie devono propiziare un ambiente in cui sia possibile lavorare tutti insieme per proporre e monitorare i risultati. Il Paese ha bisogno di pace.
Stefano Vecchia

NEWS CORRELATE
4 Dicembre 2016
FIRENZE, ITALIA
A Firenze seduta solenne del Consiglio Regionale in occasione della Giornata internazionale "Città per la vita, contro la pena di morte" e Festa della Toscana, alle ore 11.00, presso il Teatro della Compagnia regionale

Riconoscimento alla Comunità di Sant'Egidio per l'impegno nella lotta alla pena capitale


Ha ritirato il premio il Prof. Adriano Roccucci, segretario generale della Comunità di Sant'Egidio
1 Dicembre 2016

dal Colosseo

1 Dicembre 2016
da Avvenire

Sant'Egidio. Duemila città si illuminano contro la pena di morte


Il 30 novembre è la Giornata mondiale delle città per la vita, iniziativa nata nel 2002 per abolire la pena capitale
30 Novembre 2016
PARIGI, FRANCIA
In occasione della Giornata delle Città per la Vita e dei 35 anni di abolizione della pena di morte in Francia

Parigi: 30 novembre, ore 19 Incontro per l'abolizione universale della pena di morte, Maison Victor Hugo, 6 Places de Vosges, Paris (Metro Bastille)


Con la Comunità di Sant'Egidio e il movimento dei Giovani per la Pace, alla presenza altre personalità
30 Novembre 2016
LISBONA, PORTOGALLO
Insieme alla Comunità di Sant'Egidio

Lisbona è città per la vita, contro la pena di morte, appuntamento il 30 novembre ore 18, Arco da rua Augusta


Sono molte le città portoghesi che aderiscono alla Giornata delle città per la vita
29 Novembre 2016
BIELORUSSIA
Lo annuncia Andrei Paluda dell'Associazione Viasna. Con la Comunità di Sant'Egidio siamo vicini alla sua famiglia

Apprendiamo con dolore che condanna di Ivan Kulesh è stata eseguita in Bielorussia


Ivan è uno dei condannati per i quali stiamo inviando appelli urgenti
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
28 Novembre 2016
AP

High court to examine mental disability, death penalty issue
12 Novembre 2016
Internazionale

Si rafforza la pena di morte negli Stati Uniti
11 Novembre 2016

Al liceo classico “Socrate” di Bari, conferenza “Non c’è giustizia senza vita”
24 Ottobre 2016
New York Times

The Death Penalty, Nearing Its End
4 Giugno 2016
The Washington Post

Meet the red-state conservatives fighting to abolish the death penalty
tutta la rassegna stampa correlata

VIDEO FOTO
53
Video promo Cities for Life 2015
3:22

0 visite

0 visite

0 visite

0 visite

0 visite
tutta i media correlati