Le donazioni alla Comunità di Sant'Egidio sono fiscalmente deducibili
secondo la normativa vigente
 
Anche quest'anno è possibile destinare il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio
Scrivi il numero 80191770587 nella dichiarazione dei redditi

Andrea Riccardi: sul web

Andrea Riccardi: sui social network

Andrea Riccardi: la rassegna stampa

change language
sei in: no pena di morte - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

 
22 Luglio 2012 | STATI UNITI

LA STAMPA - USA, Texas, iniezione letale con una sola sostanza: 25 minuti di agonia per Yokamon Hearn

 
versione stampabile

LA STAMPA

 Texas, l'esecuzione scandalo

Iniezione letale con una sola sostanza: 25 minuti di agonia

LA SVOLTA DOPO LE RESTRIZIONI ALL'EXPORT DEI COMPONENTI CHIMICI DA PARTE DELLA UE

 MAURIZIO MOLINAR1

CORRISPONDENTE DA NEW YORK,

20 luglio 2012

II Texas inaugura iniezioni letali contenenti un'unica sostanza-killer, anche se prolunga l'agonia del condannato a morte. Yokamon Hearn, 33 anni, è diventato il primo condannato alla pena capitale in Texas a essere giustiziato con il nuovo metodo. Riconosciuto colpevole di un sequestro d'auto e omicidio del conducente in un episodio risalente al 1998, Hearn aveva fatto appello contro la sentenza di morte, affermando di essere un «disabile mentale» e di non aver goduto di tutte le necessarie garanzie legali.

Respinta ogni istanza, a pronunciare l'ultima parola è stato il governatore del Texas Rick Perry, che ha però respinto la possibilità di grazia autorizzando l'esecuzione. E dunque inaugurando una nuova composizione del «cocktail killer». In precedenza l'esecuzione avveniva in tre stadi con l'iniezione del sodio thiopental per sedare il prigioniero, il bromidio pancuronium per paralizzarlo e il cloruro di potassio per bloccargli il cuore. Ma la decisione dell'Unione Europa di bloccare l'esportazione negli Stati Uniti di tutte le sostanze che possono essere adoperate nelle esecuzioni ha portato il Texas a modificare la prassi, scegliendo di iniettare esclusivamente il pentobarbital in maniera analoga a quanto già fatto dallo Stato dell'Ohio nel 2011.

Secondo uno studio del Centro di informazione sulla pena capitale sono già undici le esecuzioni avvenute negli Stati Uniti con «l'iniezione unica», che viene praticata anche in Arizona, Idaho e nello Stato di Washington mentre la Georgia ha fatto sapere che seguirà l'esempio sin dalla prossima esecuzione.

Per i gruppi che si battono contro la pena capitale si tratta di una «svolta brutale» che «aggiunge crudeltà» alla sentenza di morte in quanto il condannato si trova ad affrontare un periodo lungo di agonia prima di perdere conoscenza.

Nel caso di Yokamon Hearn questo periodo di travaglio è durato 25 minuti. L'obiezione si lega a recenti sentenze della Corte Suprema di Washington che tendono a limitare il più possibile la pena di morte. Ma la risposta dei portavoce del ministero della Giustizia del Texas si limita a constatare che «in considerazione dell'assenza di altre sostanze sul mercato» non resta che praticare l'iniezione unica. Come dire, è stata l'Ue a non rendere più accessibili quei farmaci che potevano alleviare le sofferenze del condannato.

NEWS CORRELATE
2 Maggio 2017
STATI UNITI

Anthony Farina non è più condannato a morte. Non sarà libero, ma non rischia più l'esecuzione


Dal 2012 migliaia di appelli urgenti alle autorità e lettere e cartoline a Anthony hanno sostenuto questo importante cambiamento
29 Aprile 2017
STATI UNITI
Apprendiamo che lo Stato dell'Arkansas ha portato a termine quattro delle esecuzioni previste

L'ultima esecuzione ieri, Kenneth William era un afroamericano di 38 anni

21 Aprile 2017
STATI UNITI

L'Arkansas ha messo a morte uno dei condannati di nome Ledell Lee


E' prima esecuzione dal 2005. La nostra campagna continua con l'invio di appelli e la richiesta di clemenza
15 Aprile 2017
STATI UNITI
Un giudice ha accolto il ricorso dell'azienda produttrice dei farmaci: il prodotto non era stato venduto per questo scopo

Fermate le esecuzioni in Arkansas in seguito all'esposto di un'azienda farmaceutica


Il provvedimento è temporaneo, continuiamo a inviare appelli!
7 Aprile 2017
STATI UNITI

La lotta e le speranze di fermare le esecuzioni in Arkansas


Anche alcune ex guardie carcerarie hanno scritto al governatore, preoccupate per i pesantissimi effetti psicologici sui loro colleghi
3 Marzo 2017
CITTÀ DEL VATICANO, CITTÀ DEL VATICANO

Il Vaticano all' Onu ribadisce il suo no alla pena di morte, non si fa giustizia uccidendo


L'intervento di Mons. Jurkovic a Ginevra
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
28 Novembre 2016
AP

High court to examine mental disability, death penalty issue
12 Novembre 2016
Internazionale

Si rafforza la pena di morte negli Stati Uniti
11 Novembre 2016

Al liceo classico “Socrate” di Bari, conferenza “Non c’è giustizia senza vita”
24 Ottobre 2016
New York Times

The Death Penalty, Nearing Its End
4 Giugno 2016
The Washington Post

Meet the red-state conservatives fighting to abolish the death penalty
tutta la rassegna stampa correlata

VIDEO FOTO
53
Video promo Cities for Life 2015
3:22

11 visite

4 visite

6 visite

5 visite

6 visite
tutta i media correlati