Le donazioni alla Comunità di Sant'Egidio sono fiscalmente deducibili
secondo la normativa vigente
 
Anche quest'anno è possibile destinare il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio
Scrivi il numero 80191770587 nella dichiarazione dei redditi

Andrea Riccardi: sul web

Andrea Riccardi: sui social network

Andrea Riccardi: la rassegna stampa

change language
sei in: no pena di morte - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

 
18 Settembre 2012 | SUDAN

(Adnkronos/Aki) - SUDAN: Rilasciata Layla Ibrahim Issa Jumul. Era stata condannata alla lapidazione

 
versione stampabile

SUDAN: RILASCIATA DONNA CONDANNATA A LAPIDAZIONE PER ADULTERIO

Khartoum, 18 set. - - "Layla Ibrahim Issa Jumul,
la ventitreenne condannata a morte in Sudan per lapidazione, e' stata
rilasciata". Lo annuncia una nota di 'Italians for Darfur' che,
supportata da 'Giulia' (Giornaliste italiane unite libere
indipendenti), aveva avviato una petizione per chiedere la liberazione
della giovane accusata di adulterio, raccogliendo oltre 10mila firme.
La notizia e' stata confermata ufficialmente dagli avvocati difensori
della giovane donna e dai volontari di 'Awid - Women's Right', che
hanno supportato Layla e i suoi familiari durante la detenzione.

L'accusa di adulterio, per la quale era stata condannata a morte
tramite lapidazione, e' stata tramutata in "atti contro la morale
pubblica" dalla Corte di Appello del tribunale di Mayo. "Quello di
Layla e' il secondo caso di una donna destinata alla pena capitale e
poi rilasciata dalle autorita' giudiziarie sudanesi - ricorda
Antonella Napoli, presidente di 'Italians for Darfur' - pressate dalla
mobilitazione internazionale".

Il 3 luglio scorso le porte della prigione di Khartoum si erano
aperte per Intisar, 20 anni, madre di un bambino di pochi mesi come
Layla. "Ringraziamo tutti coloro che ci hanno affiancati in questa
battaglia - aggiunge la Napoli - Sono queste notizie che ridanno
vigore al lavoro di chi crede fermamente nel rispetto dei diritti
umani".

NEWS CORRELATE
2 Maggio 2017
STATI UNITI

Anthony Farina non è più condannato a morte. Non sarà libero, ma non rischia più l'esecuzione


Dal 2012 migliaia di appelli urgenti alle autorità e lettere e cartoline a Anthony hanno sostenuto questo importante cambiamento
29 Aprile 2017
STATI UNITI
Apprendiamo che lo Stato dell'Arkansas ha portato a termine quattro delle esecuzioni previste

L'ultima esecuzione ieri, Kenneth William era un afroamericano di 38 anni

21 Aprile 2017
STATI UNITI

L'Arkansas ha messo a morte uno dei condannati di nome Ledell Lee


E' prima esecuzione dal 2005. La nostra campagna continua con l'invio di appelli e la richiesta di clemenza
15 Aprile 2017
STATI UNITI
Un giudice ha accolto il ricorso dell'azienda produttrice dei farmaci: il prodotto non era stato venduto per questo scopo

Fermate le esecuzioni in Arkansas in seguito all'esposto di un'azienda farmaceutica


Il provvedimento è temporaneo, continuiamo a inviare appelli!
7 Aprile 2017
STATI UNITI

La lotta e le speranze di fermare le esecuzioni in Arkansas


Anche alcune ex guardie carcerarie hanno scritto al governatore, preoccupate per i pesantissimi effetti psicologici sui loro colleghi
3 Marzo 2017
CITTÀ DEL VATICANO, CITTÀ DEL VATICANO

Il Vaticano all' Onu ribadisce il suo no alla pena di morte, non si fa giustizia uccidendo


L'intervento di Mons. Jurkovic a Ginevra
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
28 Novembre 2016
AP

High court to examine mental disability, death penalty issue
12 Novembre 2016
Internazionale

Si rafforza la pena di morte negli Stati Uniti
11 Novembre 2016

Al liceo classico “Socrate” di Bari, conferenza “Non c’è giustizia senza vita”
24 Ottobre 2016
New York Times

The Death Penalty, Nearing Its End
4 Giugno 2016
The Washington Post

Meet the red-state conservatives fighting to abolish the death penalty
tutta la rassegna stampa correlata

VIDEO FOTO
53
Video promo Cities for Life 2015
3:22

11 visite

4 visite

6 visite

5 visite

6 visite
tutta i media correlati