Le donazioni alla Comunità di Sant'Egidio sono fiscalmente deducibili
secondo la normativa vigente
 
Anche quest'anno è possibile destinare il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio
Scrivi il numero 80191770587 nella dichiarazione dei redditi

Andrea Riccardi: sul web

Andrea Riccardi: sui social network

Andrea Riccardi: la rassegna stampa

change language
sei in: no pena di morte - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

 
8 Novembre 2012 | STATI UNITI

La storia di Anthony Farina

 
versione stampabile

L'Italia concede la cittadinanza ad un uomo condannato a morte in Florida, USA, per un omicidio che non ha commesso.
Nessuno Tocchi Caino, la Comunità di Sant'Egidio, l'associazione umanitaria britannica Reprieve e gli avvocati americani Marie-Louise Parmer e Maria Deliberato stanno assistendo Anthony Farina, che ha doppia nazionalità: statunitense e italiana, e che è stato condannato a morte per un omicidio che non ha commesso.
La cittadinanza italiana gli è stata ufficialmente concessa il 2 novembre 2012 e il Governo italiano gli ha espresso il suo pieno sostegno.
Anthony non era certo un uomo integerrimo, tuttavia non ha mai ucciso o ferito nessuno. Aveva solo 18 anni al tempo del delitto. Nel 1992, Anthony, che allora era appena diciottenne, e suo fratello Jeffrey, che di anni invece ne aveva 16, organizzarono una rapina in un ristorante a Daytona Beach, in Florida. Nella concitazione di quegli attimi, Jeffrey sparò a tre commessi del locale pubblico e ne pugnalò un quarto. Uno dei feriti morì più tardi in ospedale.
Anthony non ferì nessuno - come affermato dai documenti e dalle testimonianze processuali- ma fu comunque condannato a morte insieme a suo fratello.
Suo fratello beneficiò in seguito della riduzione della pena in ergastolo. Otto anni dopo, infatti, una modifica alla legge sulla pena di morte comminata a minori negli Stati Uniti ebbe l'effetto di ridurre la sentenza capitale di Jeffrey al carcere a vita, con possibilità di passaggio a 25 anni di libertà condizionale.
Questo voleva dire che Jeffrey nel 2017 avrebbe avuto la possibilità di lasciare il carcere, benché fosse stato l'autore materiale dell'omicidio. Anthony, invece, che non aveva neppure preso parte alla sparatoria, rimane tuttora condannato a morte.
Anthony ha quasi esaurito i suoi appelli.
Il caso di Anthony è attualmente in sospeso presso il Tribunale Federale d'Appello dell'11° Circuito. La Corte d'Appello ha concordato la revisione del caso di Anthony per decidere se una nuova giuria dovesse essere in grado di esaminare la contraddizione che caratterizza questo caso, il fatto, vale a dire, che il reale assassino ha ricevuto l'ergastolo, mentre su colui che non ha ucciso nessuno grava una sentenza capitale.
La stessa Corte dovrà anche giudicare se il procuratore abbia agito in maniera illegittima, allorché si avvalse dell'uso della Bibbia per affermare di "agire per conto di Dio" e indusse la giuria a confermare la sua richiesta di condanna a morte.
Se i tribunali respingessero i suoi ultimi appelli, ad Anthony non rimarrebbe altro che rivolgersi al Governatore della Florida per implorare la clemenza. L'ultima volta questa venne concessa era il 1983. Così Anthony potrebbe con buona probabilità essere messo a morte.
L'Italia guida la lotta contro la pena di morte.
 

NEWS CORRELATE
20 Agosto 2016
STATI UNITI
PENA SOSPESA PER JEFF WOOD

L'ESECUZIONE DI JEFFERY WOOD NON AVRA' LUOGO


LA SUA ESECUZIONE ERA STATA FISSATA PER IL 24 AGOSTO 2016
5 Luglio 2016
CONAKRY, GUINEA
L'abolizione della pena capitale era stata indicata come possibile dal Ministro della Giustizia Cheik Sako nel corso del Convegno promosso a Roma dalla Comunità di Sant'Egidio lo scorso febbraio

Guinea-Conakry: il parlamento ha approvato l'abolizione pena di morte dal codice penale


E' il primo passo per passare dalla moratoria de facto alla moratoria de jure. L'abolizione sarà la tappa successiva
25 Giugno 2016
OSLO, NORVEGIA
Marazziti presenta l'iniziativa della Comunità di Sant'Egidio

"Citiesforlife" a Oslo, come metodo per continuare nella via dell'abolizione #AbolitionNow


A Oslo la marcia degli abolizionisti per le strade della città
20 Giugno 2016
OSLO, NORVEGIA
Inizia oggi il VI Congresso Mondiale Contro la Pena di Morte a Oslo

La Comunità di Sant'Egidio partecipa al Congresso di Oslo con una delegazione da Italia, Congo, Belgio, Spagna, Germania e Indonesia


Sono 1500 gli iscritti provenienti da oltre 80 paesi del mondo, tra loro 20 ministri, 200 diplomatici, parlamentari, accademici, avvocati, associazioni e membri della società civile
4 Giugno 2016
CITTÀ DEL VATICANO
No alla pena di morte e all'ergastolo: "Una pena senza speranza è tortura"

Papa Francesco parlando ai magistrati e giuristi del mondo torna a dire No alla pena di morte

24 Maggio 2016
INDONESIA
La Comunità di Sant'Egidio in Indonesia e le associazioni indonesiane impegnate in difesa dei diritti umani come Kontras, Imparsial, Elsam, Lbh Masyarakat, chiedono di fermare le esecuzioni

La Chiesa e la società civile si mobilitano contro le esecuzioni capitali


Giacarta è tra le 15 città indonesiane dove negli anni scorsi si è tenuta la manifestazione "Città per la vita, città contro la pena di morte" organizzata da Sant'Egidio in oltre duemila comuni nei cinque continenti
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
4 Giugno 2016
The Washington Post

Meet the red-state conservatives fighting to abolish the death penalty
23 Maggio 2016
AP

Malaysian death row convict loses final appeal in Singapore
23 Maggio 2016
AsiaNews

Vescovo filippino: È presto per giudicare il contraddittorio Duterte. No alla pena di morte
14 Maggio 2016
Ilsole24ore

Pfizer blocca i farmaci per la pena di morte negli Usa
14 Maggio 2016
La Stampa

Pena di morte, Pfizer blocca l’uso dei suoi farmaci per le iniezioni letali negli Usa
tutta la rassegna stampa correlata

VIDEO FOTO
53
Video promo Cities for Life 2015
3:22

3 visite

2 visite

1 visite

1 visite

7 visite
tutta i media correlati