Le donazioni alla Comunità di Sant'Egidio sono fiscalmente deducibili
secondo la normativa vigente
 
Anche quest'anno è possibile destinare il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio
Scrivi il numero 80191770587 nella dichiarazione dei redditi

Andrea Riccardi: sul web

Andrea Riccardi: sui social network

Andrea Riccardi: la rassegna stampa

change language
sei in: no pena di morte - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

 
21 Dicembre 2012 | SUDAN

Human Rights Watch - South Sudan: Sì alla moratoria ONU. Impegno del paese per la vita

 
versione stampabile

Human Rights Watch (Washington, DC)
Sudan: Heed Global Call to End Death Penalty - Follow Up 'Yes' Vote At UN By Halting Executions
20 December 2012
press release
New York — South Sudan should carry out its commitment for a moratorium on the death penalty. On December 20, 2012, South Sudan, along with 110 other nations, voted in favor of a United Nations General Assembly resolution calling on countries that use capital punishment to place a moratorium on executions with a view to abolishing the death penalty.
"South Sudan deserves congratulations for voting the right way," said Daniel Bekele, Africa director at Human Rights Watch. "Now, to ensure that the global trend toward ending the death penalty becomes the norm, South Sudan should start at home, and immediately halt all executions."
South Sudan has executed at least eight people since it gained independence in July 2011. Two men were hanged at Juba Central Prison on August 28. The UN Office of the High Commissioner for Human Rights (OHCHR) raised concerns that the men had not received proper legal assistance.
In addition to calling for a moratorium and abolition of the death penalty, the UN General Assembly resolution calls on countries to respect international standards guaranteeing protection of the rights of those facing the death penalty. Minimum international standards require respect for fair trial rights, including the presumption of innocence, the right to adequate legal assistance at all stages of the proceedings, and the right of anyone convicted to appeal to a higher tribunal.
Human Rights Watch has documented weaknesses across South Sudan's criminal justice system and the resulting violations of the basic legal rights of people accused of crimes.
The UN General Assembly resolution also calls on countries to make available relevant information about their use of the death penalty to contribute to informed and transparent national and international debates. The information should include the number of people sentenced to death and the number of executions the country has carried out. South Sudan has not been keeping public records of its executions.
Human Rights Watch has repeatedly called on South Sudan to stop using the death penalty. In a November 5 joint letter to the South Sudan foreign affairs minister, Nhial Deng Nhial, Human Rights Watch raised concerns about South Sudan's continued use of the death penalty and urged officials to vote in favor of the General Assembly resolution. The letter was also signed by The Agency for Independent Media (AIM), Amnesty International, Comboni Missionaries, Comboni Sisters, Foundation for Youth Initiative, South Sudan Human Rights Society for Advocacy, South Sudan Law Society, South Sudan Women Lawyers Association, and Soweto Community Based Organization.
There are 137 nations around the world that have abolished the death penalty in law or in practice, including 37 of the 54 member countries of the African Union. In its 2008 resolution on the death penalty, the African Commission called for a moratorium on the death penalty and ratification of the Second Optional Protocol to the International Covenant on Civil and Political Rights, which prohibits the death penalty.

NEWS CORRELATE
20 Agosto 2016
STATI UNITI
PENA SOSPESA PER JEFF WOOD

L'ESECUZIONE DI JEFFERY WOOD NON AVRA' LUOGO


LA SUA ESECUZIONE ERA STATA FISSATA PER IL 24 AGOSTO 2016
5 Luglio 2016
CONAKRY, GUINEA
L'abolizione della pena capitale era stata indicata come possibile dal Ministro della Giustizia Cheik Sako nel corso del Convegno promosso a Roma dalla Comunità di Sant'Egidio lo scorso febbraio

Guinea-Conakry: il parlamento ha approvato l'abolizione pena di morte dal codice penale


E' il primo passo per passare dalla moratoria de facto alla moratoria de jure. L'abolizione sarà la tappa successiva
25 Giugno 2016
OSLO, NORVEGIA
Marazziti presenta l'iniziativa della Comunità di Sant'Egidio

"Citiesforlife" a Oslo, come metodo per continuare nella via dell'abolizione #AbolitionNow


A Oslo la marcia degli abolizionisti per le strade della città
20 Giugno 2016
OSLO, NORVEGIA
Inizia oggi il VI Congresso Mondiale Contro la Pena di Morte a Oslo

La Comunità di Sant'Egidio partecipa al Congresso di Oslo con una delegazione da Italia, Congo, Belgio, Spagna, Germania e Indonesia


Sono 1500 gli iscritti provenienti da oltre 80 paesi del mondo, tra loro 20 ministri, 200 diplomatici, parlamentari, accademici, avvocati, associazioni e membri della società civile
4 Giugno 2016
CITTÀ DEL VATICANO
No alla pena di morte e all'ergastolo: "Una pena senza speranza è tortura"

Papa Francesco parlando ai magistrati e giuristi del mondo torna a dire No alla pena di morte

24 Maggio 2016
INDONESIA
La Comunità di Sant'Egidio in Indonesia e le associazioni indonesiane impegnate in difesa dei diritti umani come Kontras, Imparsial, Elsam, Lbh Masyarakat, chiedono di fermare le esecuzioni

La Chiesa e la società civile si mobilitano contro le esecuzioni capitali


Giacarta è tra le 15 città indonesiane dove negli anni scorsi si è tenuta la manifestazione "Città per la vita, città contro la pena di morte" organizzata da Sant'Egidio in oltre duemila comuni nei cinque continenti
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
4 Giugno 2016
The Washington Post

Meet the red-state conservatives fighting to abolish the death penalty
23 Maggio 2016
AP

Malaysian death row convict loses final appeal in Singapore
23 Maggio 2016
AsiaNews

Vescovo filippino: È presto per giudicare il contraddittorio Duterte. No alla pena di morte
14 Maggio 2016
Ilsole24ore

Pfizer blocca i farmaci per la pena di morte negli Usa
14 Maggio 2016
La Stampa

Pena di morte, Pfizer blocca l’uso dei suoi farmaci per le iniezioni letali negli Usa
tutta la rassegna stampa correlata

VIDEO FOTO
53
Video promo Cities for Life 2015
3:22

3 visite

2 visite

1 visite

1 visite

7 visite
tutta i media correlati