Le donazioni alla Comunità di Sant'Egidio sono fiscalmente deducibili
secondo la normativa vigente
 
Anche quest'anno è possibile destinare il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio
Scrivi il numero 80191770587 nella dichiarazione dei redditi

Andrea Riccardi: sul web

Andrea Riccardi: sui social network

Andrea Riccardi: la rassegna stampa

change language
sei in: no pena di morte - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

 
18 Gennaio 2013 | STATI UNITI

USA, Virginia: La prima esecuzione del 2013 negli USA. Un uomo di 42 anni ha subito l'esuzione tramite sedia elettrica. (IT)

 
versione stampabile
Esteri
17/01/2013

Usa, prima esecuzione del 2013
In Virginia torna la sedia elettrica

La sedia elettrica è tornata in funzione per la prima volta dal 2010.

 
 
Il condannato è un uomo di 42 anni che aveva ucciso due detenuti e minacciava di farlo ancora. Sua la decisione di rinunciare all’iniezione
 
washington

Si è la svolta nella notte in Virginia l’esecuzione di Robert Gleason, un 42enne che era stato condannato a morte per aver ucciso due detenuti del carcere dove stava scontando l’ergastolo per un altro omicidio e che aveva minacciato che avrebbe continuato ad uccidere se non fosse stato messo a morte. Nonostante l’opposizione dei suoi legali, il 42enne aveva quindi rinunciato al suo diritto all’appello contro la sentenza di morte.

 

L’esecuzione è avvenuta dopo che ieri una corte della Virginia non ha accolto il ricorso di uno degli ex avvocati di Gleason che contestava la rinuncia da parte del condannato al diritto di appello citando diverse «prove evidenti» dei disturbi mentali di Gleason, delle sue depressioni e ripetuti tentativi di suicidio. Non solo, Gleason ha scelto di morire non con l’iniezione letale ma sulla sedia elettrica che la notte scorsa è quindi tornata in funzione per la prima volta dal 2010.

 

«Questo è un caso strano in cui la pena di morte è l’unico movente degli omicidi», ha detto l’avvocato John Sheldon che si è visto negare il suo ricorso anche dalla Corte Suprema. Gleason aveva confessato di aver strangolato il suo compagno di cella nel 2009 proprio nello stesso giorno in cui aveva commesso il delitto per il quale era stato condannato all’ergastolo. Ed aveva poi detto che aveva avrebbe ucciso altri detenuti se non fosse stato condannato alla pena di morte. Ed infatti nel 2010 strangolo’, con la rete di protezione del cortile del carcere, un altro detenuto. Anche in questo caso si dichiarò colpevole e fu condannato a morte per entrambi i delitti.

 

 

Esteri
17/01/2013

Usa, prima esecuzione del 2013
In Virginia torna la sedia elettrica

La sedia elettrica è tornata in funzione per la prima volta dal 2010.

 Il condannato è un uomo di 42 anni che aveva ucciso due detenuti e minacciava di farlo ancora. Sua la decisione di rinunciare all’iniezione
 
washington

Si è la svolta nella notte in Virginia l’esecuzione di Robert Gleason, un 42enne che era stato condannato a morte per aver ucciso due detenuti del carcere dove stava scontando l’ergastolo per un altro omicidio e che aveva minacciato che avrebbe continuato ad uccidere se non fosse stato messo a morte. Nonostante l’opposizione dei suoi legali, il 42enne aveva quindi rinunciato al suo diritto all’appello contro la sentenza di morte.

 L’esecuzione è avvenuta dopo che ieri una corte della Virginia non ha accolto il ricorso di uno degli ex avvocati di Gleason che contestava la rinuncia da parte del condannato al diritto di appello citando diverse «prove evidenti» dei disturbi mentali di Gleason, delle sue depressioni e ripetuti tentativi di suicidio. Non solo, Gleason ha scelto di morire non con l’iniezione letale ma sulla sedia elettrica che la notte scorsa è quindi tornata in funzione per la prima volta dal 2010.

 «Questo è un caso strano in cui la pena di morte è l’unico movente degli omicidi», ha detto l’avvocato John Sheldon che si è visto negare il suo ricorso anche dalla Corte Suprema. Gleason aveva confessato di aver strangolato il suo compagno di cella nel 2009 proprio nello stesso giorno in cui aveva commesso il delitto per il quale era stato condannato all’ergastolo. Ed aveva poi detto che aveva avrebbe ucciso altri detenuti se non fosse stato condannato alla pena di morte. Ed infatti nel 2010 strangolo’, con la rete di protezione del cortile del carcere, un altro detenuto. Anche in questo caso si dichiarò colpevole e fu condannato a morte per entrambi i delitti.

NEWS CORRELATE
20 Agosto 2016
STATI UNITI
PENA SOSPESA PER JEFF WOOD

L'ESECUZIONE DI JEFFERY WOOD NON AVRA' LUOGO


LA SUA ESECUZIONE ERA STATA FISSATA PER IL 24 AGOSTO 2016
5 Luglio 2016
CONAKRY, GUINEA
L'abolizione della pena capitale era stata indicata come possibile dal Ministro della Giustizia Cheik Sako nel corso del Convegno promosso a Roma dalla Comunità di Sant'Egidio lo scorso febbraio

Guinea-Conakry: il parlamento ha approvato l'abolizione pena di morte dal codice penale


E' il primo passo per passare dalla moratoria de facto alla moratoria de jure. L'abolizione sarà la tappa successiva
25 Giugno 2016
OSLO, NORVEGIA
Marazziti presenta l'iniziativa della Comunità di Sant'Egidio

"Citiesforlife" a Oslo, come metodo per continuare nella via dell'abolizione #AbolitionNow


A Oslo la marcia degli abolizionisti per le strade della città
20 Giugno 2016
OSLO, NORVEGIA
Inizia oggi il VI Congresso Mondiale Contro la Pena di Morte a Oslo

La Comunità di Sant'Egidio partecipa al Congresso di Oslo con una delegazione da Italia, Congo, Belgio, Spagna, Germania e Indonesia


Sono 1500 gli iscritti provenienti da oltre 80 paesi del mondo, tra loro 20 ministri, 200 diplomatici, parlamentari, accademici, avvocati, associazioni e membri della società civile
4 Giugno 2016
CITTÀ DEL VATICANO
No alla pena di morte e all'ergastolo: "Una pena senza speranza è tortura"

Papa Francesco parlando ai magistrati e giuristi del mondo torna a dire No alla pena di morte

24 Maggio 2016
INDONESIA
La Comunità di Sant'Egidio in Indonesia e le associazioni indonesiane impegnate in difesa dei diritti umani come Kontras, Imparsial, Elsam, Lbh Masyarakat, chiedono di fermare le esecuzioni

La Chiesa e la società civile si mobilitano contro le esecuzioni capitali


Giacarta è tra le 15 città indonesiane dove negli anni scorsi si è tenuta la manifestazione "Città per la vita, città contro la pena di morte" organizzata da Sant'Egidio in oltre duemila comuni nei cinque continenti
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
4 Giugno 2016
The Washington Post

Meet the red-state conservatives fighting to abolish the death penalty
23 Maggio 2016
AP

Malaysian death row convict loses final appeal in Singapore
23 Maggio 2016
AsiaNews

Vescovo filippino: È presto per giudicare il contraddittorio Duterte. No alla pena di morte
14 Maggio 2016
Ilsole24ore

Pfizer blocca i farmaci per la pena di morte negli Usa
14 Maggio 2016
La Stampa

Pena di morte, Pfizer blocca l’uso dei suoi farmaci per le iniezioni letali negli Usa
tutta la rassegna stampa correlata

VIDEO FOTO
53
Video promo Cities for Life 2015
3:22

3 visite

2 visite

1 visite

1 visite

7 visite
tutta i media correlati