Le donazioni alla Comunità di Sant'Egidio sono fiscalmente deducibili
secondo la normativa vigente
 
Anche quest'anno è possibile destinare il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio
Scrivi il numero 80191770587 nella dichiarazione dei redditi

Andrea Riccardi: sul web

Andrea Riccardi: sui social network

Andrea Riccardi: la rassegna stampa

change language
sei dentro: no pena di morte - news newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

 
18 Gennaio 2013 | STATI UNITI

USA, Virginia: La prima esecuzione del 2013 negli USA. Un uomo di 42 anni ha subito l'esuzione tramite sedia elettrica. (IT)

 
versione stampabile
Esteri
17/01/2013

Usa, prima esecuzione del 2013
In Virginia torna la sedia elettrica

La sedia elettrica è tornata in funzione per la prima volta dal 2010.

 
 
Il condannato è un uomo di 42 anni che aveva ucciso due detenuti e minacciava di farlo ancora. Sua la decisione di rinunciare all’iniezione
 
washington

Si è la svolta nella notte in Virginia l’esecuzione di Robert Gleason, un 42enne che era stato condannato a morte per aver ucciso due detenuti del carcere dove stava scontando l’ergastolo per un altro omicidio e che aveva minacciato che avrebbe continuato ad uccidere se non fosse stato messo a morte. Nonostante l’opposizione dei suoi legali, il 42enne aveva quindi rinunciato al suo diritto all’appello contro la sentenza di morte.

 

L’esecuzione è avvenuta dopo che ieri una corte della Virginia non ha accolto il ricorso di uno degli ex avvocati di Gleason che contestava la rinuncia da parte del condannato al diritto di appello citando diverse «prove evidenti» dei disturbi mentali di Gleason, delle sue depressioni e ripetuti tentativi di suicidio. Non solo, Gleason ha scelto di morire non con l’iniezione letale ma sulla sedia elettrica che la notte scorsa è quindi tornata in funzione per la prima volta dal 2010.

 

«Questo è un caso strano in cui la pena di morte è l’unico movente degli omicidi», ha detto l’avvocato John Sheldon che si è visto negare il suo ricorso anche dalla Corte Suprema. Gleason aveva confessato di aver strangolato il suo compagno di cella nel 2009 proprio nello stesso giorno in cui aveva commesso il delitto per il quale era stato condannato all’ergastolo. Ed aveva poi detto che aveva avrebbe ucciso altri detenuti se non fosse stato condannato alla pena di morte. Ed infatti nel 2010 strangolo’, con la rete di protezione del cortile del carcere, un altro detenuto. Anche in questo caso si dichiarò colpevole e fu condannato a morte per entrambi i delitti.

 

 

Esteri
17/01/2013

Usa, prima esecuzione del 2013
In Virginia torna la sedia elettrica

La sedia elettrica è tornata in funzione per la prima volta dal 2010.

 Il condannato è un uomo di 42 anni che aveva ucciso due detenuti e minacciava di farlo ancora. Sua la decisione di rinunciare all’iniezione
 
washington

Si è la svolta nella notte in Virginia l’esecuzione di Robert Gleason, un 42enne che era stato condannato a morte per aver ucciso due detenuti del carcere dove stava scontando l’ergastolo per un altro omicidio e che aveva minacciato che avrebbe continuato ad uccidere se non fosse stato messo a morte. Nonostante l’opposizione dei suoi legali, il 42enne aveva quindi rinunciato al suo diritto all’appello contro la sentenza di morte.

 L’esecuzione è avvenuta dopo che ieri una corte della Virginia non ha accolto il ricorso di uno degli ex avvocati di Gleason che contestava la rinuncia da parte del condannato al diritto di appello citando diverse «prove evidenti» dei disturbi mentali di Gleason, delle sue depressioni e ripetuti tentativi di suicidio. Non solo, Gleason ha scelto di morire non con l’iniezione letale ma sulla sedia elettrica che la notte scorsa è quindi tornata in funzione per la prima volta dal 2010.

 «Questo è un caso strano in cui la pena di morte è l’unico movente degli omicidi», ha detto l’avvocato John Sheldon che si è visto negare il suo ricorso anche dalla Corte Suprema. Gleason aveva confessato di aver strangolato il suo compagno di cella nel 2009 proprio nello stesso giorno in cui aveva commesso il delitto per il quale era stato condannato all’ergastolo. Ed aveva poi detto che aveva avrebbe ucciso altri detenuti se non fosse stato condannato alla pena di morte. Ed infatti nel 2010 strangolo’, con la rete di protezione del cortile del carcere, un altro detenuto. Anche in questo caso si dichiarò colpevole e fu condannato a morte per entrambi i delitti.

NOTIZIE CORRELATE
9 Agosto 2018
The Los Angeles Times

The Catholic Church's opposition on the death penalty began with previous popes


By Mario Marazziti
29 Giugno 2018
BURKINA FASO

Il Burkina Faso elimina la pena di morte: un altro passo verso l’abolizionismo globale

26 Giugno 2018
Mons. Rodolfo Diamante, segretario esecutivo della Commissione episcopale per la pastorale carceraria presenta un libro contro la pena di morte

La Conferenza episcopale delle Filippine resta vigile sul tema della pena di morte


In occasione della memoria del dodicesimo anniversario dell'abolizione della pena capitale nel paese
18 Giugno 2018
BIELORUSSIA
La Bielorussia è l'unico paese europeo che ancora mantiene e applica la pena capitale, la sospensione delle due condanne è un fatto senza precedenti

La Corte Suprema bielorussia sospende due condanne a morte


la diplomazia francese era intervenuta lo scorso anno con un comunicato con il quale invitava la Bielorussia ad introdurre una moratoria contro la pena di morte
5 Maggio 2018
STATI UNITI

Robert Earl Butts Jr. è stato messo a morte per iniezione letale venerdì 4 maggio 2018

3 Maggio 2018
STATI UNITI
Per ora Robert è salvo! Ringraziamo per questi 90 giorni di sospensione e continuiamo a inviare appelli per la salvezza di Robert Butts Jr.

Il Comitato per la Clemenza della Georgia ha sospeso l'esecuzione di Robert Butts Jr a meno di 24 dalla esecuzione!


Continuiamo a inviare appelli
tutte le notizie correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
28 Novembre 2016
AP

High court to examine mental disability, death penalty issue
12 Novembre 2016
Internazionale

Si rafforza la pena di morte negli Stati Uniti
11 Novembre 2016

Al liceo classico “Socrate” di Bari, conferenza “Non c’è giustizia senza vita”
24 Ottobre 2016
New York Times

The Death Penalty, Nearing Its End
4 Giugno 2016
The Washington Post

Meet the red-state conservatives fighting to abolish the death penalty
tutta la rassegna stampa correlata

VIDEO FOTO
53
Video promo Cities for Life 2015
3:22

0 visite

0 visite

0 visite

9 visite

5 visite
tutta i media correlati