Le donazioni alla Comunità di Sant'Egidio sono fiscalmente deducibili
secondo la normativa vigente
 
Anche quest'anno è possibile destinare il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio
Scrivi il numero 80191770587 nella dichiarazione dei redditi

Andrea Riccardi: sul web

Andrea Riccardi: sui social network

Andrea Riccardi: la rassegna stampa

change language
sei in: no pena di morte - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

 
20 Febbraio 2013 | STATI UNITI

A.P. e Ansa - USA – Interviene una Corte d'Appello federale, ritardo mentale da considerare: fermata l'esecuzione di Warren Hill in Georgia. Era già stato sedato. (EN)

 
versione stampabile

 US appeals court halts Georgia execution

 By KATE BRUMBACK

Associated Press

JACKSON, Georgia (AP) _ A U.S. appeals court halted the execution Tuesday of a Georgia man who killed a fellow prisoner in 1990, issuing a last-minute order to allow more time to consider claims that he's mentally disabled.

 The 11th U.S. Circuit Court of Appeals granted the stay of execution as Warren Lee Hill was being prepared for lethal injection. In a 2-1 decision, a panel of the U.S. appeals court said further review is needed of recent affidavits by doctors who changed their minds about Hill's mental capacity.

 ``In other words, all of the experts _ both the State's and the petitioner's _ now appear to be in agreement that Hill is in fact mentally retarded,'' judges in the majority wrote in their order.

 Earlier in the day, the state parole board, the Supreme Court of Georgia and the U.S. Supreme Court had all declined to stop the execution.

 Hill was sentenced to death for the 1990 beating death of fellow inmate Joseph Handspike. Authorities say he used a board studded with nails to bludgeon Handspike while he slept and other prisoners pleaded with Hill to stop. At the time Hill was already serving a life sentence for murder in the 1986 slaying of his girlfriend, Myra Wright, who had been shot 11 times.

 Hill has received support from various activists and from former President Jimmy Carter and his wife Rosalynn.

 ``Georgia should not violate its own prohibition against executing individuals with serious diminished capacity,'' President Carter said in a statement.

 Hill's lawyers argue that he is mentally disabled and therefore shouldn't be executed. The state maintains that the defense failed to meet its burden of proving beyond a reasonable doubt that Hill is mentally disabled.

 Death penalty defendants in Georgia have to prove they are mentally disabled beyond a reasonable doubt to avoid execution, the strictest standard in America. Hill's lawyers have said the high standard for proving mental disability is problematic because psychiatric diagnoses are subject to a degree of uncertainty that is virtually impossible to overcome. But Georgia's strict standard has repeatedly been upheld by state and federal courts.

 Georgiapassed a law in 1988 prohibiting the execution of mentally disabled death row inmates, and the U.S. Supreme Court ruled in 2002 that the execution of mentally disabled offenders is unconstitutional.

 Hill's lawyers last week released new sworn statements from the three doctors who examined Hill in 2000 and testified before the court that he was not mentally disabled. The doctors wrote in their new statements that they were rushed in their evaluation at the time, they have acquired additional experience and that there have been scientific developments in the intervening 12 years. All three reviewed facts and documents in the case and wrote that they now believe that Hill is mentally disabled.

 The state questioned the credibility of the doctors' statements. These doctors met with Hill and reviewed extensive documentation in the case in 2000, but they haven't seen him since and didn't have significant new information in front of them during their recent review, the state argued. Therefore, it is not credible that they are able to refute the testimony they were so adamant about in 2000, the state argued.

 The state has cited expert testimony and IQ tests that concluded Hill was not mentally disabled. Before trial, Hill's family members described him as ``the leader of the family'' and ``a father figure,'' the state notes. He was not in special education classes and served in the Navy, where he received promotions, the state said.

 The defense has referenced a state court judge's assessment that Hill was mentally disabled and a test that showed his IQ to be about 70. The defense also cited expert testimony that it is not unusual for someone who is mildly mentally disabled to be able to function at a satisfactory level in an environment as structured as the military. With the new statements from the three doctors last week, all doctors who examined him now agree that Hill is mentally disabled, Hill's defense argued.

 

PENA MORTE: USA,SOSPESA ESECUZIONE PER DISABILE MENTALE

IN GEORGIA, ALL'ULTIMO MINUTO, ERA GIA' STATO SEDATO

 

(ANSA) - NEW YORK, 20 FEB - All'ultimo minuto, una corte

d'appello federale ha fermato la mano del boia che in Georgia

doveva mettere a morte un uomo di 52 anni, Warren Hill,

afroamericano, giudicato colpevole di omicidio: l'esecuzione e'

stata sospesa perche' il condannato ha solo 70 di quoziente

intellettivo e diversi medici che lo hanno esaminato hanno

stabilito che ha un ritardo mentale.

Cio' nonostante, appena tre ore prima dell'esecuzione, la

Corte Suprema della Georgia aveva respinto un ultimo appello per

salvargli la vita. La notizia della sospensione della sentenza

e' arrivata quando al condannato era gia' stato somministrato un

sedativo, per prepararlo all'iniziezione letale.

I suoi avvocati, assieme a diverse associazioni per la difesa

dei diritti umani, si sono battuti su tutti i fronti,

sottolineando che l'esecuzione sarebbe stata incostituzionale,

poiche' nel 2002 la Corte Suprema degli Stati Uniti ha stabilito

che ''le persone con ritardi mentali dovrebbero categoricamente

essere escluse dalle esecuzioni''. L'alta Corte ha pero' di

fatto lasciato spazio agli stati dell'Unione di decidere se un

condannato abbia ritardi tali da evitargli la pena capitale e la

Georgia afferma che le disabilita' mentali dei condannati devono

essere provate ''oltre ogni ragionevole dubbio''.

Tre psichiatri forensi che avevano testimoniato sostenendo

che il ritardo mentale Hill non era cosi' grave da evitargli la

pena capitale hanno peraltro fatto marcia indietro, affermando

in una dichiarazione scritta che la loro valutazione

dell'imputato era stata ''affrettata''.

La condanna di Hill risale al 1992, quando e' stato giudicato

colpevole di aver ucciso un suo compagno di cella nella prigione

dove gia' stava scontando l'ergastolo per l'assassinio della sua

ragazza. Gia' nel luglio scorso la sua condanna a morte era

stata sospesa, un'ora prima dell'esecuzione, in base ad un

appello contro il medicinale che la Georgia usa per le iniezioni

letali dei condannati, usato normalmente per praticare

l'eutanasia agli animali.

La nuova sospensione della condanna di Hill arriva in un

momento in tutti gli Stati Uniti il sostegno alla pena capitale

sembra calare sensibilmente. Il numero delle condanne a morte

nel 2011 e 2012 ha raggiunto il record piu' basso, in calo del

75 per cento rispetto al 1996. Anche in Georgia non erano state

piu' eseguite condanne sin da quella, particolarmente

controversa, di Troy Davis, nel settembre 2011.

Per salvare la vita a Hill si sono mobilitati l'ex presidente

Jimmy Carter e alcune associazioni per la difesa dei diritti

umani, e anche la famiglia della sua vittima, oltre a diversi

opinionisti. In un editoriale, il New York Times, ha fatto

notare come ''la Corte Suprema ha vietato dieci anni fa la

condanna a morte per i ritardati mentali, ma apparentemente la

Georgia non ha ricevuto il messaggio''. (ANSA).

NEWS CORRELATE
20 Agosto 2016
STATI UNITI
PENA SOSPESA PER JEFF WOOD

L'ESECUZIONE DI JEFFERY WOOD NON AVRA' LUOGO


LA SUA ESECUZIONE ERA STATA FISSATA PER IL 24 AGOSTO 2016
5 Luglio 2016
CONAKRY, GUINEA
L'abolizione della pena capitale era stata indicata come possibile dal Ministro della Giustizia Cheik Sako nel corso del Convegno promosso a Roma dalla Comunità di Sant'Egidio lo scorso febbraio

Guinea-Conakry: il parlamento ha approvato l'abolizione pena di morte dal codice penale


E' il primo passo per passare dalla moratoria de facto alla moratoria de jure. L'abolizione sarà la tappa successiva
25 Giugno 2016
OSLO, NORVEGIA
Marazziti presenta l'iniziativa della Comunità di Sant'Egidio

"Citiesforlife" a Oslo, come metodo per continuare nella via dell'abolizione #AbolitionNow


A Oslo la marcia degli abolizionisti per le strade della città
20 Giugno 2016
OSLO, NORVEGIA
Inizia oggi il VI Congresso Mondiale Contro la Pena di Morte a Oslo

La Comunità di Sant'Egidio partecipa al Congresso di Oslo con una delegazione da Italia, Congo, Belgio, Spagna, Germania e Indonesia


Sono 1500 gli iscritti provenienti da oltre 80 paesi del mondo, tra loro 20 ministri, 200 diplomatici, parlamentari, accademici, avvocati, associazioni e membri della società civile
4 Giugno 2016
CITTÀ DEL VATICANO
No alla pena di morte e all'ergastolo: "Una pena senza speranza è tortura"

Papa Francesco parlando ai magistrati e giuristi del mondo torna a dire No alla pena di morte

24 Maggio 2016
INDONESIA
La Comunità di Sant'Egidio in Indonesia e le associazioni indonesiane impegnate in difesa dei diritti umani come Kontras, Imparsial, Elsam, Lbh Masyarakat, chiedono di fermare le esecuzioni

La Chiesa e la società civile si mobilitano contro le esecuzioni capitali


Giacarta è tra le 15 città indonesiane dove negli anni scorsi si è tenuta la manifestazione "Città per la vita, città contro la pena di morte" organizzata da Sant'Egidio in oltre duemila comuni nei cinque continenti
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
4 Giugno 2016
The Washington Post

Meet the red-state conservatives fighting to abolish the death penalty
23 Maggio 2016
AP

Malaysian death row convict loses final appeal in Singapore
23 Maggio 2016
AsiaNews

Vescovo filippino: È presto per giudicare il contraddittorio Duterte. No alla pena di morte
14 Maggio 2016
Ilsole24ore

Pfizer blocca i farmaci per la pena di morte negli Usa
14 Maggio 2016
La Stampa

Pena di morte, Pfizer blocca l’uso dei suoi farmaci per le iniezioni letali negli Usa
tutta la rassegna stampa correlata

VIDEO FOTO
53
Video promo Cities for Life 2015
3:22

1 visite

1 visite

7 visite

6 visite

7 visite
tutta i media correlati