Le donazioni alla Comunità di Sant'Egidio sono fiscalmente deducibili
secondo la normativa vigente
 
Anche quest'anno è possibile destinare il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio
Scrivi il numero 80191770587 nella dichiarazione dei redditi

Andrea Riccardi: sul web

Andrea Riccardi: sui social network

Andrea Riccardi: la rassegna stampa

change language
sei dentro: no pena di morte - news newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

 
18 Giugno 2013 | STATI UNITI

Il Messaggero - USA - New York - Torna libera Paula Cooper. Salvata dal perdono del nipote della vittima, dal Papa Giovanni Paolo II, dalla pietà di tanta gente. (IT)

 
versione stampabile

NEW YORK – E’ tornata libera. Paula Cooper ha 44 anni, è una donna matura, tranquilla e piena di speranze. Non assomiglia più alla giovane assassina disadattata e spaventata che incontrammo per la prima volta 28 anni fa, quando ogni mattina si svegliava pensando "mi legheranno alla sedia elettrica, mi uccideranno, e tutti si dimenticheranno di me". Salvata dalla morte per la mobilitazione di questo giornale e poi dell’opinione pubblica italiana e soprattutto per un diretto intervento di Papa Giovanni Paolo II presso il governatore dell’Indiana, Paula è uscita dalla prigione di Rockville, un isolato paesino dell’Indiana dove ha trascorso gli ultimi anni, in un regime di grande severità. Lei stessa lo aveva chiesto, per studiare e prepararsi a una vita da persona libera.

Insieme a due amiche, Paula aveva ucciso l’anzia maestra di catechismo Ruth Pelke nel 1985. Era diventata un caso internazionale perché aveva solo 15 anni. La sua vita era stata infelice e violenta, e il terribile omicidio era stato l’espressione orrenda di una gioventù senza guida e senza legge . 

Il Messaggero è stato il primo giornale a scrivere di lei in Europa, nel 1987, e a seguire poi le sue vicende. Quando siamo andati a trovarla Rockville, nel 2007, ci disse: "Molti giovani che vivono nella violenza non sono stati e non saranno fortunati come me. La società spesso si disinteressa di loro. Li rinchiude e butta via la chiave. Io ho vissuto tutta la mia infanzia nella violenza, e ho commesso un atto di grande violenza, ma ho avuto la fortuna di trovare sulla mia strada tanta gente che mi ha voluto aiutare. Se non sono impazzita, se non mi sono abbandonata alla disperazione, se ho cercato di trasformare la mia vita in qualcosa di positivo, lo devo a tutti loro".

Paula ha preso il diploma di infermiera in carcere. Ma spera di poter diventare cuoca. In una lettera che ci ha scritto poche settimane fa, raccontava: “Il buon cibo mette allegria nelle persone. Io vorrei imparare a cucinare piatti sani e saporiti. Sarei felice. Ogni volta che posso, leggo riviste di cucina e studio le ricette, e la sera prima di addormentarmi, immagino come potrei cucinarli io stessa”. Ultimamente, per aiutarla, il carcere le aveva permesso di lavorare nelle cucine. La portavoce della prigione ci ha detto ieri: “Abbiamo grande fiducia che Paula diventi un membro produttivo e onesto della società”. 

A perdonarla per primo fu il nipote della vittima, Bill Pelke, un operaio che aveva sempre creduto fermamente nella pena di morte. Una notte, mentre lavorava, Bill ebbe una visione di Cristo: “Gesù mi disse che dovevo imparare a perdonare. E ci sono riuscito. Una volta che ho aperto il mio cuore al perdono, ho trovato la serenità”. Bill sostenne pubblicamente Paula, e la ragazzina finì per trovare un forte sostegno nell’opinione pubblica italiana. In suo nome il partito radicale creò il movimento “Non uccidere”. Grazie all’iniziativa dei giovani Ivan Novelli e Paolo Pietrosanti e del sacerdote don Germano Greganti, fu condotta una gigantesca raccolta di firme che si concluse con la consegna di 2 milioni di petizioni alle Nazioni Unite.

Si mosse anche il Pontefice. E piano piano anche gli americani conobbero il caso. E nonostante la crudeltà dell’omicidio, anche negli Usa sembrò anti-cristiano condannare a morte una persona così giovane.

E così Paula ebbe la sentenza mutata in una condanna a 60 anni. Ma lo Stato dell'Indiana offre un giorno in meno per ogni giorno che il detenuto ha tenuto buona condotta. Paula in prigione cominciò male: ribelle, testa dura, irrequieta, in fondo spaventata di tutto e di tutti. Ma poi è cresciuta. Ha chiesto lei stessa di essere mandata al carcere di Rockville, un luogo pulito, solare, pieno di attività e di possibilità di imparare e crescere, ma anche un luogo di estrema severità: “Voglio la disciplina – ci disse – perché voglio prepararmi per il giorno in cui sarò di nuovo libera. Voglio dare un contributo alla società”.

Oggi Paula è libera, o quasi. E’ ospite di una half-way house, una residenza monitorata dalle autorità, dove le verrà anche insegnato come reintrare nella società, sin dalle piccole cose, come cercare un lavoro, come fare domanda di impiego, come aprire un conto in banca, ecc. A fianco ha la sorella Rhonda, che le è sempre stata vicina: “Siamo tutti molto emozionati – ci ha detto al telefono Rhonda, dalla sua casa di Gary -. Paula non ha dimenticato quello che ha fatto, non ha dimenticato il dolore che ha causato. Ma speriamo che da oggi in poi la gente non veda in lei solo l’omicida, ma anche una persona che ha compiuto anno dopo anno un grande sforzo per cambiare e migliorare”.

NOTIZIE CORRELATE
27 Novembre 2018
REGNO UNITO
Roma, 28 novembre

IX Incontro internazionale dei ministri della Giustizia per "Un mondo senza pena di morte"


presso la Nuova Aula dei Gruppi parlamentari - Camera dei Deputati
27 Novembre 2018
#STAND4HUMANITY

IL 30 NOVEMBRE AL COLOSSEO: CITTA' PER LA VITA , CONTRO LA PENA DI MORTE


Lato Arco di Costantino ore 18
14 Novembre 2018
NEW YORK, STATI UNITI
La Terza Commissione dell'Assemblea Generale dell'ONU ha approvato la risoluzione per la moratoria con 123 voti a favore

Approvata la risoluzione sulla moratoria della pena di morte con un numero maggiore di consensi rispetto al 2016


Un segnale positivo verso l’obiettivo dell’abolizione completa della pena capitale nel mondo!
3 Novembre 2018
La pena di morte in Germania venne applicata fin dal Medioevo. Fu cancellata dall'ordinamento giudiziario della Repubblica Federale nel 1949, mentre nella Repubblica Democratica fu abolita nel 1987

Germania: lo stato tedesco dell'Assia ha eliminato la pena di morte dalla costituzione che la conservava per un'anomalia giuridica


Con il loro voto i cittadini hanno modificato una norma che da 69 anni conservava la pena di morte
18 Ottobre 2018

Vescovi Usa: plauso per la fine della pena di morte nello Stato di Washington


"Ci uniamo ai vescovi cattolici di Washington, alla Conferenza cattolica dello Stato di Washington, alla rete di mobilitazione cattolica e a tutte le persone di buona volontà nell'accogliere favorevolmente questa decisione e perseverare nel lavoro per porre fine alla pena di morte"
12 Ottobre 2018
STATI UNITI

Lo Stato di Washington ha abolito la pena di morte


La Corte suprema dello Stato di Washington ha stabilito che la pena di morte “viola la Costituzione” e di conseguenza viene abolita
tutte le notizie correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
28 Novembre 2016
AP

High court to examine mental disability, death penalty issue
12 Novembre 2016
Internazionale

Si rafforza la pena di morte negli Stati Uniti
11 Novembre 2016

Al liceo classico “Socrate” di Bari, conferenza “Non c’è giustizia senza vita”
24 Ottobre 2016
New York Times

The Death Penalty, Nearing Its End
4 Giugno 2016
The Washington Post

Meet the red-state conservatives fighting to abolish the death penalty
tutta la rassegna stampa correlata

VIDEO FOTO
53
Video promo Cities for Life 2015
3:22

0 visite

0 visite

0 visite

0 visite

0 visite
tutta i media correlati