Le donazioni alla Comunità di Sant'Egidio sono fiscalmente deducibili
secondo la normativa vigente
 
Anche quest'anno è possibile destinare il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio
Scrivi il numero 80191770587 nella dichiarazione dei redditi

Andrea Riccardi: sul web

Andrea Riccardi: sui social network

Andrea Riccardi: la rassegna stampa

change language
sei in: no pena di morte - news newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

 
13 Ottobre 2013 | VIAREGGIO, ITALIA

Giornata Mondiale contro la Pena di Morte: un lungo cammino tra buone notizie e sfide da affrontare. Intervista di Radio Vaticana a Stefania Tallei della Comunità di Sant'Egidio

 
versione stampabile

Giornata mondiale contro la pena di morte: 140 i Paesi che l’hanno abolita



Nel corso degli ultimi 10 anni i Paesi che ricorrono alla pena di morte sono diminuiti da 29 a 21, ma c’è un gruppo di Stati che dal 2012 ha ripreso l’esecuzione delle pene capitali, tra cui Gambia, India, Indonesia, Kuwait, Nigeria, Pakistan e Vietnam. Quest’anno, la Giornata mondiale contro la pena di morte è stata dedicata ai Paesi caraibici anglofoni, 13 dei quali la prevedono ancora per legge, anche se l’ultima esecuzione risale al 2008. Barbados e Trinidad e Tobago, pur non compiendo esecuzioni rispettivamente dal 1984 e 1999, prevedono che la pena capitale possa essere comminata con mandato obbligatorio. Gli Stati che attuano ancora la pena di morte, come risposta all’aumento dei crimini al loro interno, registrano una diminuzione dei reati? Elvira Ragosta lo ha chiesto a Stefania Tallei, referente sulla pena di morte della Comunità di Sant’Egidio:RealAudioMP3

R. - Assolutamente no. Questo è provato. È una certezza che l’uso della pena di morte chiama altra violenza. Ogni Stato si deve dotare di strumenti che sono conseguenze alle proprie leggi sulle quali si può lavorare. Ci sono Stati che cambiano la Costituzione, tolgono la pena di morte e si dotano di strumenti in grado di garantire la sicurezza. Questa è la cosa importante: come garantire la sicurezza. E noi abbiamo la certezza che la pena di morte non faccia questo. Oggi il carcere è più sicuro rispetto al passato. La pena di morte, in fondo, è nata quando il carcere non garantiva che la persona non potesse fuggire. Oggi è diverso.

D. - Dal 2012 le esecuzioni sono riprese in Paesi come il Vietnam, il Pakistan, il Kuwait, la Nigeria, l’Indonesia, l’India, il Gambia. In realtà, però ci sono 140 Paesi che hanno abolito la pena di morte per legge o nella prassi …

R. - C’è un grande lavoro da fare perché in questi Paesi dove le esecuzioni sono riprese ciascuno ha un suo motivo, una sua mentalità, un suo ritorno indietro … Però, dall’altra parte c’è invece una crescita della consapevolezza che la violenza non sia la risposta adeguata. Penso che bisogna lavorare molto. L’Italia, come altri Paesi, che non hanno la pena di morte dicono: “Ma perché dobbiamo occuparci della pena di morte se noi non l’abbiamo?”. È proprio per questo! Perché nel mondo globalizzato ciascuno può fare la sua parte per aiutare un altro Paese – e soprattutto i suoi governanti - a capire, a fare scelte giuste. Ogni Paese che ha fatto questo scelta può aiutarne un altro a fare la scelta giusta. Noi troviamo una richiesta di aiuto da parte dei "Paesi mantenitori" perché i ministri, i governanti vorrebbero abolire ma hanno timore del consenso popolare. Si può lavorare molto sul cambiamento dell’opinione della gente; si può lavorare in tanti modi sui giovani, nelle scuole …





Testo proveniente dalla pagina http://it.radiovaticana.va/news/2013/10/10/giornata_mondiale_contro_la_pena_di_morte:_140_i_paesi_che_l%E2%80%99hanno/it1-736088
del sito Radio Vaticana 

NEWS CORRELATE
5 Maggio 2018
STATI UNITI

Robert Earl Butts Jr. è stato messo a morte per iniezione letale venerdì 4 maggio 2018

3 Maggio 2018
STATI UNITI
Per ora Robert è salvo! Ringraziamo per questi 90 giorni di sospensione e continuiamo a inviare appelli per la salvezza di Robert Butts Jr.

Il Comitato per la Clemenza della Georgia ha sospeso l'esecuzione di Robert Butts Jr a meno di 24 dalla esecuzione!


Continuiamo a inviare appelli
10 Aprile 2018
COSTA D'AVORIO

Dichiarazione finale del Congresso Regionale in Abidjan


La svolta africana: umanizzare le carceri e abolire la Pena di Morte
9 Aprile 2018
COSTA D'AVORIO
E' il terzo Congresso Regionale contro la pena capitale. Grande l'interesse, si sono iscritte oltre 300 persone

Il Congresso Regionale delle Associazioni Abolizioniste del mondo in Costa d'Avorio il 9 e 10 aprile 2018


La sessione plenaria del 10 Aprile dal titolo “Pena di morte, povertà, condizioni carcerarie: da una Giornata Mondiale all'altra” sarà presieduta da Annemarie Pieters (al centro nella foto)
23 Febbraio 2018
STATI UNITI

Lo stato della Florida ha portato a compimento l'esecuzione letale di Branch, nella prigione statale della Florida a Raiford


Branch, che era nel braccio della morte da quasi 25 anni, è stato dichiarato morto per un'iniezione letale alle 6:05 del pomeriggio
23 Febbraio 2018
STATI UNITI

Il governatore Greg Abbott ha commutato in pena a vita Thomas Whitacker


Il governatore ha ha accettato la raccomandazione rara e unanime del Texas Board of Pardons and Parole di concedere la grazia Thomas, condannato a morte, la cui esecuzione doveva avere luogo ieri
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
28 Novembre 2016
AP

High court to examine mental disability, death penalty issue
12 Novembre 2016
Internazionale

Si rafforza la pena di morte negli Stati Uniti
11 Novembre 2016

Al liceo classico “Socrate” di Bari, conferenza “Non c’è giustizia senza vita”
24 Ottobre 2016
New York Times

The Death Penalty, Nearing Its End
4 Giugno 2016
The Washington Post

Meet the red-state conservatives fighting to abolish the death penalty
tutta la rassegna stampa correlata

VIDEO FOTO
53
Video promo Cities for Life 2015
3:22

9 visite

5 visite

5 visite

6 visite

8 visite
tutta i media correlati