Le donazioni alla Comunità di Sant'Egidio sono fiscalmente deducibili
secondo la normativa vigente
 
Anche quest'anno è possibile destinare il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio
Scrivi il numero 80191770587 nella dichiarazione dei redditi

Andrea Riccardi: sul web

Andrea Riccardi: sui social network

Andrea Riccardi: la rassegna stampa

change language
sei dentro: no pena di morte - news newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

 
14 Dicembre 2013

Italianews Info - Giappone: eseguite altre 2 impiccagioni. Secondo il ministero della giustizia ancora 129 prigionieri nel braccio della morte. (IT)

 
versione stampabile
Ieri sono state eseguite le condanne a morte per impiccagione di 2 detenuti, portando così ad 8 il numero delle esecuzioni da quando, dallo scorso anno, è salito al governo Shinzo Abe.
“Ci sono diverse critiche sulla pena di morte…ma c’è una legge e i Giapponesi lo vogliono”, questo è stato in sintesi il commento rilasciato dal Ministro della Giustizia Sadakazu Tanigaki, dopo aver annunciato l’avvenuta esecuzione. In realtà, nonostante le proteste della Comunità Europea e dei gruppi dei Diritti Umani, la pena di morte è voluta dalla maggioranza dei cittadini Giapponesi.
 
Si tratta di Ryoji Kagayama, di 63 anni, che nel 2000 a Osaka, dopo averla derubata, uccise una studentessa cinese e nel 2008 uccise a coltellate un uomo durante una tentata rapina. Era stato condannato alla pena di morte nel 2012. L’altro si chiamava Mitsuo Fujishima, di 55 anni, che nel 1986 annegò nel bagno una parente della ex moglie e uccise una conoscente di lei alcuni giorni dopo nella Prefettura di Yamanashi.
 
Vito Ventura
 
GIAPPONE: IMPICCATI ALTRI DUE CONDANNATI A MORTE
 
   di  Redazione.  Scritto  il  13 dicembre 2013  alle  7:31.
 
Il Giappone ha giustiziato ieri due condannati a morte. Con l’applicazione di questa sentenza, la terza potenza mondiale eleva ad otto il numero di prigionieri giustiziati da quando il primo ministro conservatore Shinzo Abe si è insediato nel dicembre 2012.penadimorte
 
Secondo il ministero della Giustizia, nel braccio della morte ci sono ancora 129 prigionieri.
 
Gli ultimi due ordini di esecuzione firmati dal ministro della Giustizia, Sadakazu Tanigaki, sono stati indirizzati ai prigionieri Ryoji Kagayama, 63 anni, e Mituso Fujishima, 55. Come da consuetudine in Giappone, l’applicazione della pena di morte avviene senza preavviso ai prigionieri e ai loro familiari.
 
Kagayama è stato condannato a morte perché dichiarato colpevole dell’omicidio di due persone nel 2000 e 2008 nella città di Osaka, dove è stato giustiziato. Fujishima è stato punito con la forca a Tokyo per aver ucciso due persone nel 1986, nelle località di Yamanashi e Niigata.
 
Al momento di comunicare alla stampa le due esecuzioni, il ministro della Giustizia Sadakazu Tanigaki ha giustificato la pena capitale affermando che “la popolazione appoggia questa pratica”.
 
Sale così ad otto il numero di sentenze a morte firmate negli undici mesi di amministrazione Abe, mentre sono 129 i detenuti condannati a morte per impiccagione, secondo il ministero.
NOTIZIE CORRELATE
9 Agosto 2018
The Los Angeles Times

The Catholic Church's opposition on the death penalty began with previous popes


By Mario Marazziti
29 Giugno 2018
BURKINA FASO

Il Burkina Faso elimina la pena di morte: un altro passo verso l’abolizionismo globale

26 Giugno 2018
Mons. Rodolfo Diamante, segretario esecutivo della Commissione episcopale per la pastorale carceraria presenta un libro contro la pena di morte

La Conferenza episcopale delle Filippine resta vigile sul tema della pena di morte


In occasione della memoria del dodicesimo anniversario dell'abolizione della pena capitale nel paese
18 Giugno 2018
BIELORUSSIA
La Bielorussia è l'unico paese europeo che ancora mantiene e applica la pena capitale, la sospensione delle due condanne è un fatto senza precedenti

La Corte Suprema bielorussia sospende due condanne a morte


la diplomazia francese era intervenuta lo scorso anno con un comunicato con il quale invitava la Bielorussia ad introdurre una moratoria contro la pena di morte
5 Maggio 2018
STATI UNITI

Robert Earl Butts Jr. è stato messo a morte per iniezione letale venerdì 4 maggio 2018

3 Maggio 2018
STATI UNITI
Per ora Robert è salvo! Ringraziamo per questi 90 giorni di sospensione e continuiamo a inviare appelli per la salvezza di Robert Butts Jr.

Il Comitato per la Clemenza della Georgia ha sospeso l'esecuzione di Robert Butts Jr a meno di 24 dalla esecuzione!


Continuiamo a inviare appelli
tutte le notizie correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
28 Novembre 2016
AP

High court to examine mental disability, death penalty issue
12 Novembre 2016
Internazionale

Si rafforza la pena di morte negli Stati Uniti
11 Novembre 2016

Al liceo classico “Socrate” di Bari, conferenza “Non c’è giustizia senza vita”
24 Ottobre 2016
New York Times

The Death Penalty, Nearing Its End
4 Giugno 2016
The Washington Post

Meet the red-state conservatives fighting to abolish the death penalty
tutta la rassegna stampa correlata

VIDEO FOTO
53
Video promo Cities for Life 2015
3:22

0 visite

0 visite

0 visite

9 visite

5 visite
tutta i media correlati