Le donazioni alla Comunità di Sant'Egidio sono fiscalmente deducibili
secondo la normativa vigente
 
Anche quest'anno è possibile destinare il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio
Scrivi il numero 80191770587 nella dichiarazione dei redditi

Andrea Riccardi: sul web

Andrea Riccardi: sui social network

Andrea Riccardi: la rassegna stampa

change language
sei dentro: no pena di morte - news newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

 
17 Marzo 2014

Italy – “Avvenire”: troppo lento il cammino contro la pena di morte

 
versione stampabile

15/03/2014

Troppo lento il cammino contro la pena di morte

 

 Tiziano Resca

Due episodi accaduti negli ultimi giorni dovrebbero risvegliare qualche coscienza su una piaga che una parte del nostro mondo cosiddetto civile continua ad alimentare e che un'altra parte continua a condannare quasi solo a parole, come se non ci fossero alternative a quella “spiacevole necessità”. È una delle più orribili strade che una società moderna possa intraprendere: la condanna a morte. L'uccisione di un uomo “in nome della legge”.

Il primo caso arriva dagli Stati Uniti. Un nero oggi sessantaquattrenne è stato scarcerato dopo aver trascorso 26 anni nel braccio della morte. Era stato condannato alla pena capitale nel 1984, riconosciuto colpevole di omicidio. Una storia mai chiarita a fondo, nella quale – dice oggi qualcuno – spuntarono anche elementi dai contorni razzisti. Sbattuto nel braccio della morte nel 1988, ha trascorso gran parte della vita attendendo che si stagliasse davanti a lui la sagoma del boia. Martedì scorso un giudice ha ribaltato tutto e l'ha scagionato. Niente iniezione letale e ritorno a casa, dove l'uomo ha trovato ad attenderlo un adulto: suo figlio, quello che aveva lasciato ancora bambino. Pare che ora abbia diritto a 300mila dollari di rimborso per i trent'anni che gli sono stati rubati. Mille dollari per ogni mese passato faccia a faccia con la morte. Il suo caso non è l'unico: negli Stati Uniti negli ultimi 40 anni sono stati 144 i condannati alla pen a capitale riconosciuti innocenti dopo aver convissuto a lungo in una cella col fantasma del boia.
La seconda notizia è simbolizzata da una fotografia che arriva dall'Iran e che rappresenta il terrore sui volti di due ventenni mandati a morte per una rapina da pochi euro. In quel Paese – dice un rapporto diffuso da un'organizzazione umanitaria – lo scorso anno il boia ha colpito 687 volte, quasi il 20 per cento in più del 2012. Ciò che più fa riflettere è che la maggior parte di queste esecuzioni sono avvenute dopo l'elezione di Hassan Rohani, il presidente nel quale si confida per una riapertura al dialogo con l'Occidente.
Sono due episodi di questi giorni che potrebbero perdersi tra moltissimi altri simili. Perché nei 21 Paesi che ancora praticano la pena di morte ci sono – secondo Amnesty International – circa 680 esecuzioni l'anno. Con l'incognita della Cina, dove il ricorso al boia è tristemente facile ma per la quale non esistono dati attendibili.
Unico elemento che apre alla speranza: anche se a piccoli passi, sono sempre meno numerosi i Paesi che ritengono di far giustizia uccidendo uomini. I ripensamenti ci sono, ma il cammino è ancora troppo lento. Ha scritto un condannato a morte alla Comunità di Sant'Egidio, in prima linea anche nella battaglia per la vita – qualunque vita – e i diritti umani: «... Grazie per essere stato mio amico. Grazie per il tempo della tua vita che mi hai dedicato. Sappi che è stata la tua amicizia a fare la differenza». Se anche gli Stati vogliono fare la differenza, non possono più permettersi un cammino troppo lento.

NOTIZIE CORRELATE
9 Agosto 2018
The Los Angeles Times

The Catholic Church's opposition on the death penalty began with previous popes


By Mario Marazziti
29 Giugno 2018
BURKINA FASO

Il Burkina Faso elimina la pena di morte: un altro passo verso l’abolizionismo globale

26 Giugno 2018
Mons. Rodolfo Diamante, segretario esecutivo della Commissione episcopale per la pastorale carceraria presenta un libro contro la pena di morte

La Conferenza episcopale delle Filippine resta vigile sul tema della pena di morte


In occasione della memoria del dodicesimo anniversario dell'abolizione della pena capitale nel paese
18 Giugno 2018
BIELORUSSIA
La Bielorussia è l'unico paese europeo che ancora mantiene e applica la pena capitale, la sospensione delle due condanne è un fatto senza precedenti

La Corte Suprema bielorussia sospende due condanne a morte


la diplomazia francese era intervenuta lo scorso anno con un comunicato con il quale invitava la Bielorussia ad introdurre una moratoria contro la pena di morte
5 Maggio 2018
STATI UNITI

Robert Earl Butts Jr. è stato messo a morte per iniezione letale venerdì 4 maggio 2018

3 Maggio 2018
STATI UNITI
Per ora Robert è salvo! Ringraziamo per questi 90 giorni di sospensione e continuiamo a inviare appelli per la salvezza di Robert Butts Jr.

Il Comitato per la Clemenza della Georgia ha sospeso l'esecuzione di Robert Butts Jr a meno di 24 dalla esecuzione!


Continuiamo a inviare appelli
tutte le notizie correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
28 Novembre 2016
AP

High court to examine mental disability, death penalty issue
12 Novembre 2016
Internazionale

Si rafforza la pena di morte negli Stati Uniti
11 Novembre 2016

Al liceo classico “Socrate” di Bari, conferenza “Non c’è giustizia senza vita”
24 Ottobre 2016
New York Times

The Death Penalty, Nearing Its End
4 Giugno 2016
The Washington Post

Meet the red-state conservatives fighting to abolish the death penalty
tutta la rassegna stampa correlata

VIDEO FOTO
53
Video promo Cities for Life 2015
3:22

0 visite

0 visite

0 visite

9 visite

5 visite
tutta i media correlati