Le donazioni alla Comunità di Sant'Egidio sono fiscalmente deducibili
secondo la normativa vigente
 
Anche quest'anno è possibile destinare il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio
Scrivi il numero 80191770587 nella dichiarazione dei redditi

Andrea Riccardi: sul web

Andrea Riccardi: sui social network

Andrea Riccardi: la rassegna stampa

change language
sei dentro: no pena di morte - news newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

 
26 Marzo 2014

Parlamento Italiano- Comitato D.U. - Marazziti: 529 Condanne a Morte di Sostenitori di Morsi, Fratelli Musulmani, una sentenza senza precedenti e inaccettabile.

 
versione stampabile

EGITTO: 529 Condanne a Morte di Sostenitori di Morsi, Fratelli Musulmani, 387 in Contumacia. Una sentenza senza precedenti e inaccettabile per un Paese che vuole essere un partner internazionale nel Mediterraneo. Inaccettabile la vendetta politica di massa. Una prova in più di come la pena di morte va abolita a livello mondiale.

"Non si ricordano precedenti di una giustizia così sommaria e violenta da parte di uno stato in epoca contemporanea - afferma Mario Marazziti, presidente del Comitato Diritti Umani della Camera dei Deputati e Coordinatore della Campagna mondiale della Comunità  di Sant'Egidio contro la pena capitale. Il fatto che il 24 marzo 2014 la Corte Penale di Minya, nel Sud Egitto, ha comminato per l'assalto alla stazione di polizia di Matay nel 2013, in cui e' stato ucciso un poliziotto, e durante il quale sono state sequestrate armi e liberati prigionieri rischia di marchiare negativamente il processo di riconciliazione nazionale e di riforma costituzionale avviata in Egitto allontanando drammaticamente i tempi di un Egitto pluralista e democratico.

Le modalità che hanno portato a una sentenza così grave e che coinvolge centinaia di posizioni e responsabilità diverse risultano anche a un esame superficiale imbarazzanti. Due sole udienze in un arco di tre giorni; il divieto per la difesa di accedere all'aula nella seconda udienza; il divieto per gli imputati ad essere ascoltati e a presenziare all'udienza e meno di un'ora per la sentenza finale.

Oggi e' previsto un altro processo che coinvolge 700 imputati per identici reati, legati alle proteste di massa contro i processi militari del novembre 2013. E c'e' il rischio di un'altra sentenza "monstre". 

Dal Parlamento italiano inviamo un appello a che la pena di morte venga esclusa dalle sanzioni che possono colpire le opposizioni politiche in Egitto e perché l'Egitto applichi la Risoluzione dell'Assemblea Generale dell'ONU per una moratoria universale delle esecuzioni sulle condanne definitive."

"Sono profondamente preoccupato per la stessa possibilità di una riconciliazione nazionale - conclude in una nota Marazziti -se sentenze come queste non vengono rapidamente annullate e se la vendetta politica di massa -anche per via legale- diventa il modo in cui l'Egitto intende ridurre la violenza nel Paese e superare la critiche ha portato alla deposizione del presidente Morsi.

NOTIZIE CORRELATE
15 Marzo 2019
STATI UNITI
dall'Osservatore Romano

Marazziti: la decisione presa dal nuovo governatore della California, Gavin Newsom, di “mettere uno stop, forse definitivo, alle esecuzioni capitali è un gesto di coraggio politico

14 Marzo 2019
SANT'EGIDIO: PENA DI MORTE

Pena di morte: grande segnale di speranza la sospensione in California, il più grande braccio della morte del mondo

28 Febbraio 2019
Bruxelles

Messaggio di Papa Francesco al "7° Congresso Mondiale della World Coalition Against the Death Penalty


"La pena di morte una grave violazione del diritto alla vita di ogni persona. Non vengano eliminate altre vite, si offra la via del pentimento"
27 Novembre 2018
REGNO UNITO
Roma, 28 novembre

IX Incontro internazionale dei ministri della Giustizia per "Un mondo senza pena di morte"


presso la Nuova Aula dei Gruppi parlamentari - Camera dei Deputati
27 Novembre 2018
#STAND4HUMANITY

IL 30 NOVEMBRE AL COLOSSEO: CITTA' PER LA VITA , CONTRO LA PENA DI MORTE


Lato Arco di Costantino ore 18
14 Novembre 2018
NEW YORK, STATI UNITI
La Terza Commissione dell'Assemblea Generale dell'ONU ha approvato la risoluzione per la moratoria con 123 voti a favore

Approvata la risoluzione sulla moratoria della pena di morte con un numero maggiore di consensi rispetto al 2016


Un segnale positivo verso l’obiettivo dell’abolizione completa della pena capitale nel mondo!
tutte le notizie correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
28 Novembre 2016
AP

High court to examine mental disability, death penalty issue
12 Novembre 2016
Internazionale

Si rafforza la pena di morte negli Stati Uniti
11 Novembre 2016

Al liceo classico “Socrate” di Bari, conferenza “Non c’è giustizia senza vita”
24 Ottobre 2016
New York Times

The Death Penalty, Nearing Its End
4 Giugno 2016
The Washington Post

Meet the red-state conservatives fighting to abolish the death penalty
tutta la rassegna stampa correlata

VIDEO FOTO
53
Video promo Cities for Life 2015
3:22

0 visite

0 visite

0 visite

0 visite

0 visite
tutta i media correlati