Le donazioni alla Comunità di Sant'Egidio sono fiscalmente deducibili
secondo la normativa vigente
 
Anche quest'anno è possibile destinare il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio
Scrivi il numero 80191770587 nella dichiarazione dei redditi

Andrea Riccardi: sul web

Andrea Riccardi: sui social network

Andrea Riccardi: la rassegna stampa

change language
sei in: no pena di morte - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

 
28 Marzo 2014

Asia News - INDIA Sacerdote gesuita: Combattiamo la cultura della morte in India di Nirmala Carvalho. (IT)

 
versione stampabile
 27/03/2014 12:31
INDIA
Sacerdote gesuita: Combattiamo la cultura della morte in India
di Nirmala Carvalho
P. Cedric Prakash, direttore del centro per i diritti umani, la giustizia e la pace Prashant, ha ricevuto un premio dall'arcidiocesi di Mumbai per il suo lavoro a favore della vita. Con lui, premiato anche l'orfanotrofio delle suore di Madre Teresa nella città. "Come cristiani dobbiamo difendere la vita da aborto, pena di morte ed eutanasia".
 
Mumbai (AsiaNews) - "Come cristiani dobbiamo essere consapevoli che Gesù è vita e che è venuto per donarcela in tutta la sua abbondanza. Perciò dobbiamo fare di tutto per promuovere e diffondere una cultura della vita, nelle sue tante dimensioni. Non possiamo avere un approccio selettivo: dobbiamo dire no all'aborto, ma anche alla pena di morte. Non ha importanza quanto 'cattivo' sia il criminale e quanto male abbia fatto. Se crediamo che solo Dio può dare la vita e la morte dobbiamo essere chiari e coerenti con il nostro opporci a tutte le forme sbagliate di 'morte': l'aborto, la pena di morte e l'eutanasia". Così p. Cedric Prakash, gesuita del Gujarat, ha accolto il Human Life Award conferitogli dal Comitato per la vita umana e la Commissione per la famiglia dell'arcidiocesi di Mumbai, che il 23 marzo scorso ha celebrato la Giornata per la vita. Con il sacerdote è stato premiato anche il Nirmala Shishu Bhavan, orfanotrofio delle Missionarie della Carità che si trova a Vile Parle, quartiere di Mumbai.
 
Più di 300 persone provenienti da oltre 70 parrocchie hanno partecipato all'evento. Mons. Agnelo Gracias, presidente dei due corpi arcidiocesani, ha spiegato: "Ogni anno conferiamo il Sr. Annunciata Pro Life Award e il Lily and Rose Award, destinati a quelle istituzioni o singole persone che hanno lavorato a favore della vita".
 
Il primo riconoscimento è andato a p. Prakash, che dirige il centro per i diritti umani, la giustizia e la pace Prashant, con base ad Ahmedabad. Il secondo è andato all'orfanotrofio delle suore di Madre Teresa. Suor Rahanna lo ha ritirato, ricordando le parole di Madre Teresa: "Non so quale sarà la riuscita; ma se le Missionarie della Carità avranno portato gioia in una di queste case infelici, se avranno fatto in modo che un innocente bimbo di strada si preservi puro per Gesù, se avranno aiutato un moribondo a morire in pace con Dio, non pensa, Eccellenza, che varrebbe la pena di offrire tutto anche soltanto per quell'unica creatura, perché essa porterà grande gioia al cuore di Gesù?".
 
Da anni p. Prakash si batte per affermare i diritti umani in India. In particolare, insieme a Prashant si è impegnato per aiutare le vittime degli scontri tra indù e musulmani in Gujarat nel 2002, nei quali la comunità islamica ha pagato il prezzo più alto, in termini di vite umane e di giustizia.
 
Nel suo discorso di ringraziamento, il sacerdote ha ricordato: "La carneficina del 2002 in diversi modi ha dato inizio a una cultura della morte non solo in Gujarat, ma in tutto il Paese. Oggi molti in India sembrano legittimarla, e una sezione della società indica come proprio candidato premier colui che ha presieduto questo sanguinoso capitolo della storia del Paese. In realtà, non può esserci una tragedia più grande di quella che sembra aver prevalso nella nostra nazione: un atteggiamento per cui non ha importanza cosa accade 'all'altro', se diamo fuoco, saccheggiamo, stupriamo e uccidiamo, o se distruggiamo la vita in tutta la sua santità".
NEWS CORRELATE
7 Luglio 2017
STATI UNITI
Dopo una vasta campagna mondiale basata sulla preoccupazione per la sua salute mentale e sulla richiesta di abolizione della pena di morte

Apprendiamo con dolore che in Virginia ha avuto luogo l'esecuzione di William Morva


William Morva, 35 anni, è morto alle 9.15 di giovedì nel centro correttivo di Greensville a Jarratt, in Virginia
24 Giugno 2017
STATI UNITI

Comunità di Sant'Egidio: a Washington per rafforzare l'impegno contro la pena di morte

2 Maggio 2017
STATI UNITI

Anthony Farina non è più condannato a morte. Non sarà libero, ma non rischia più l'esecuzione


Dal 2012 migliaia di appelli urgenti alle autorità e lettere e cartoline a Anthony hanno sostenuto questo importante cambiamento
29 Aprile 2017
STATI UNITI
Apprendiamo che lo Stato dell'Arkansas ha portato a termine quattro delle esecuzioni previste

L'ultima esecuzione ieri, Kenneth William era un afroamericano di 38 anni

21 Aprile 2017
STATI UNITI

L'Arkansas ha messo a morte uno dei condannati di nome Ledell Lee


E' prima esecuzione dal 2005. La nostra campagna continua con l'invio di appelli e la richiesta di clemenza
15 Aprile 2017
STATI UNITI
Un giudice ha accolto il ricorso dell'azienda produttrice dei farmaci: il prodotto non era stato venduto per questo scopo

Fermate le esecuzioni in Arkansas in seguito all'esposto di un'azienda farmaceutica


Il provvedimento è temporaneo, continuiamo a inviare appelli!
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
28 Novembre 2016
AP

High court to examine mental disability, death penalty issue
12 Novembre 2016
Internazionale

Si rafforza la pena di morte negli Stati Uniti
11 Novembre 2016

Al liceo classico “Socrate” di Bari, conferenza “Non c’è giustizia senza vita”
24 Ottobre 2016
New York Times

The Death Penalty, Nearing Its End
4 Giugno 2016
The Washington Post

Meet the red-state conservatives fighting to abolish the death penalty
tutta la rassegna stampa correlata

VIDEO FOTO
53
Video promo Cities for Life 2015
3:22

19 visite

10 visite

13 visite

9 visite

10 visite
tutta i media correlati