Le donazioni alla Comunità di Sant'Egidio sono fiscalmente deducibili
secondo la normativa vigente
 
Anche quest'anno è possibile destinare il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio
Scrivi il numero 80191770587 nella dichiarazione dei redditi

Andrea Riccardi: sul web

Andrea Riccardi: sui social network

Andrea Riccardi: la rassegna stampa

change language
sei in: no pena di morte - news newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

 
28 Marzo 2014

Saudi Arabia - Satinah Binti Djumadi, migrante indonesiana, sarà messa a morte il 3 aprile se non saranno raccolti 1,5 milioni di dollari.

 
versione stampabile

26/03/2014 09:57
INDONESIA - ARABIA SAUDITA
Arabia Saudita: migrante indonesiana rischia la decapitazione
 

di Mathias Hariyadi
 

La 40enne Satinah Binti Djumadi è nel braccio della morte per omicidio e furto. L’esecuzione è prevista per il 3 aprile. Dietro richiesta del presidente Yudhoyono, il re saudita avrebbe già concesso la grazia. Ma secondo il diritto islamico serve il perdono della famiglia, che vuole 2 milioni di dollari.

Jakarta (AsiaNews) - I vertici della diplomazia indonesiana, su richiesta del presidente Susilo Bambang Yudhoyono, hanno attivato tutti i canali disponibili per salvare la vita a Satinah Binti Djumadi, 40enne lavoratrice domestica in Arabia Saudita condannata per furto e omicidio. La donna (nella foto) è finita nel braccio della morte con l'accusa di aver ucciso il proprio datore di lavoro e di aver rubato la somma - misera - di 37 riyal (poco meno di 10 dollari). L'esecuzione della pena, per decapitazione, verrà eseguita il prossimo 3 aprile; governo e ambasciata di Jakarta a Riyadh hanno avviato i contatti per ottenere la grazia del re saudita e il perdono della famiglia della vittima, due elementi essenziali perché sia liberata. 

La vicenda di Satinah ricorda da vicino il dramma di Ruyati binti Saboti Saruna, lavoratrice migrante indonesiana giustiziata nel giugno 2011 in Arabia Saudita per concorso in omicidio. La sua morte aveva scatenato feroci polemiche in patria, per l'inerzia mostrata dal presidente Yudhoyono e le modalità secondo cui è avvenuta l'esecuzione: Riyadh non ha avvertito né l'ambasciata indonesiana, né il governo di Jakarta. 

Nel caso di Satinah Binti Djumadi, invece, Yudhoyono si è subito attivato per fermare il boia; una scelta dettata anche da questioni di carattere politico ed elettorale, per l'approssimarsi del voto alle parlamentari in aprile e le presidenziali a luglio. Restano ancora otto giorni e la partita si gioca attorno alla somma da devolvere a titolo di risarcimento. Pare infatti che il re saudita, dietro richiesta del presidente indonesiano, abbia già concesso la grazia. Serve però il perdono della famiglia, che in un primo momento ha chiesto almeno 41 miliardi di rupie (oltre 3,5 milioni di dollari). La cifra sarebbe poi scesa a 30 miliardi, infine a 21 (poco più di 1,8 milioni). 

Finora Jakarta ha già stanziato 12,1 miliardi di rupie; intanto gruppi e associazioni hanno avviato una raccolta fondi per raggiungere la somma richiesta e salvare la vita di Satinah, originaria della reggenza di Ungaran, nello Java centrale.  Attivisti pro diritti umani riferiscono che vi sono almeno 256 cittadini indonesiani, emigrati all'estero in cerca di lavoro, che si trovano al momento nel braccio della morte in attesa di essere giustiziati. "Sono in Malaysia e in Arabia Saudita" conferma Wahyu Susilo, del Centro per la cura dei migranti.

Del resto ancora oggi povertà e aspettative di un tenore di vita migliore spingono moltissime persone a cercare fortuna all'estero - sia uomini che donne - nei settori dell'edilizia o come collaboratrici domestiche. Per quanto concerne la vicenda di Satinah, inoltre, non vi è in gioco solo la vita di una donna, ma un principio di giustizia sociale e di attenzione del proprio Paese di origine verso tutti i lavoratori migranti all'esterno. 

In Arabia Saudita vi sono almeno 1,2 milioni di indonesiani, il 70% dei quali impiegati come camerieri o domestiche. Movimenti internazionali contro la pena di morte affermano che, nel solo 2011, almeno 27 persone sono state decapitate in Arabia Saudita per reati di vario genere; un dato peraltro in diminuzione, se confrontato con i 67 del 2008. 

NEWS CORRELATE
5 Maggio 2018
STATI UNITI

Robert Earl Butts Jr. è stato messo a morte per iniezione letale venerdì 4 maggio 2018

3 Maggio 2018
STATI UNITI
Per ora Robert è salvo! Ringraziamo per questi 90 giorni di sospensione e continuiamo a inviare appelli per la salvezza di Robert Butts Jr.

Il Comitato per la Clemenza della Georgia ha sospeso l'esecuzione di Robert Butts Jr a meno di 24 dalla esecuzione!


Continuiamo a inviare appelli
10 Aprile 2018
COSTA D'AVORIO

Dichiarazione finale del Congresso Regionale in Abidjan


La svolta africana: umanizzare le carceri e abolire la Pena di Morte
9 Aprile 2018
COSTA D'AVORIO
E' il terzo Congresso Regionale contro la pena capitale. Grande l'interesse, si sono iscritte oltre 300 persone

Il Congresso Regionale delle Associazioni Abolizioniste del mondo in Costa d'Avorio il 9 e 10 aprile 2018


La sessione plenaria del 10 Aprile dal titolo “Pena di morte, povertà, condizioni carcerarie: da una Giornata Mondiale all'altra” sarà presieduta da Annemarie Pieters (al centro nella foto)
23 Febbraio 2018
STATI UNITI

Lo stato della Florida ha portato a compimento l'esecuzione letale di Branch, nella prigione statale della Florida a Raiford


Branch, che era nel braccio della morte da quasi 25 anni, è stato dichiarato morto per un'iniezione letale alle 6:05 del pomeriggio
23 Febbraio 2018
STATI UNITI

Il governatore Greg Abbott ha commutato in pena a vita Thomas Whitacker


Il governatore ha ha accettato la raccomandazione rara e unanime del Texas Board of Pardons and Parole di concedere la grazia Thomas, condannato a morte, la cui esecuzione doveva avere luogo ieri
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
28 Novembre 2016
AP

High court to examine mental disability, death penalty issue
12 Novembre 2016
Internazionale

Si rafforza la pena di morte negli Stati Uniti
11 Novembre 2016

Al liceo classico “Socrate” di Bari, conferenza “Non c’è giustizia senza vita”
24 Ottobre 2016
New York Times

The Death Penalty, Nearing Its End
4 Giugno 2016
The Washington Post

Meet the red-state conservatives fighting to abolish the death penalty
tutta la rassegna stampa correlata

VIDEO FOTO
53
Video promo Cities for Life 2015
3:22

9 visite

5 visite

5 visite

6 visite

8 visite
tutta i media correlati