Le donazioni alla Comunità di Sant'Egidio sono fiscalmente deducibili
secondo la normativa vigente
 
Anche quest'anno è possibile destinare il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio
Scrivi il numero 80191770587 nella dichiarazione dei redditi

Andrea Riccardi: sul web

Andrea Riccardi: sui social network

Andrea Riccardi: la rassegna stampa

change language
sei dentro: no pena di morte - news newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

 
15 Potrebbe 2014

Zenit.org - Sudan – Meriam Ishaq, 27 anni, in attesa di un bambino, condannata a morte per aver sposato un cristiano

 
versione stampabile
Sudan: condannata a morte giovane donna incinta "rea" di aver sposato un cristiano
Si tratta di Meriam Yahya Ibrahim Ishaq, 27 anni, accusata da un tribunale di Khartoum di apostasia e adulterio

Di Redazione

ROMA, 14 Maggio 2014 (Zenit.org) - Condannata a morte e a cento frustate. E' la sentenza di un tribunale sudanese contro Meriam Yahya Ibrahim Ishaq, donna 27enne incinta, giudicata colpevole di apostasia e di adulterio per aver sposato un cittadino sudsudanese cristiano.

A riferirlo sono fonti giudiziarie citate dall’emittente Al Jazeera. Il caso di Ibrahim - riferisce L'Osservatore Romano - ha sollevato proteste degli attivisti per i diritti umani in Sudan, che hanno chiesto al Governo di Khartoum di rispettare la libertà di religione, peraltro esplicitamente affermata dalla Costituzione del 2005.

Il tribunale si è basato invece sull’interpretazione della sharia, la legge coranica introdotta in Sudan nel 1983, che vieta a una musulmana di sposare un non musulmano (mentre è consentito il contrario). In realtà, la donna, figlia di un sudanese musulmano e di una etiope ortodossa, era stata educata nella sua fede dalla madre, abbandonata dal marito. Ma secondo la sharia la figlia di un musulmano è comunque musulmana.

Le ambasciate di Canada, Gran Bretagna, Olanda e Stati Uniti hanno chiesto al Governo sudanese di intervenire sul caso "con giustizia e compassione in linea con i valori del popolo sudanese".

NOTIZIE CORRELATE
15 Marzo 2019
STATI UNITI
dall'Osservatore Romano

Marazziti: la decisione presa dal nuovo governatore della California, Gavin Newsom, di “mettere uno stop, forse definitivo, alle esecuzioni capitali è un gesto di coraggio politico

14 Marzo 2019
SANT'EGIDIO: PENA DI MORTE

Pena di morte: grande segnale di speranza la sospensione in California, il più grande braccio della morte del mondo

28 Febbraio 2019
Bruxelles

Messaggio di Papa Francesco al "7° Congresso Mondiale della World Coalition Against the Death Penalty


"La pena di morte una grave violazione del diritto alla vita di ogni persona. Non vengano eliminate altre vite, si offra la via del pentimento"
27 Novembre 2018
REGNO UNITO
Roma, 28 novembre

IX Incontro internazionale dei ministri della Giustizia per "Un mondo senza pena di morte"


presso la Nuova Aula dei Gruppi parlamentari - Camera dei Deputati
27 Novembre 2018
#STAND4HUMANITY

IL 30 NOVEMBRE AL COLOSSEO: CITTA' PER LA VITA , CONTRO LA PENA DI MORTE


Lato Arco di Costantino ore 18
14 Novembre 2018
NEW YORK, STATI UNITI
La Terza Commissione dell'Assemblea Generale dell'ONU ha approvato la risoluzione per la moratoria con 123 voti a favore

Approvata la risoluzione sulla moratoria della pena di morte con un numero maggiore di consensi rispetto al 2016


Un segnale positivo verso l’obiettivo dell’abolizione completa della pena capitale nel mondo!
tutte le notizie correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
28 Novembre 2016
AP

High court to examine mental disability, death penalty issue
12 Novembre 2016
Internazionale

Si rafforza la pena di morte negli Stati Uniti
11 Novembre 2016

Al liceo classico “Socrate” di Bari, conferenza “Non c’è giustizia senza vita”
24 Ottobre 2016
New York Times

The Death Penalty, Nearing Its End
4 Giugno 2016
The Washington Post

Meet the red-state conservatives fighting to abolish the death penalty
tutta la rassegna stampa correlata

VIDEO FOTO
53
Video promo Cities for Life 2015
3:22

0 visite

0 visite

0 visite

0 visite

0 visite
tutta i media correlati