Le donazioni alla Comunità di Sant'Egidio sono fiscalmente deducibili
secondo la normativa vigente
 
Anche quest'anno è possibile destinare il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio
Scrivi il numero 80191770587 nella dichiarazione dei redditi

Andrea Riccardi: sul web

Andrea Riccardi: sui social network

Andrea Riccardi: la rassegna stampa

change language
sei dentro: no pena di morte - news newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

 
15 Maggio 2014

Zenit.org - Sudan – Meriam Ishaq, 27 anni, in attesa di un bambino, condannata a morte per aver sposato un cristiano

 
versione stampabile
Sudan: condannata a morte giovane donna incinta "rea" di aver sposato un cristiano
Si tratta di Meriam Yahya Ibrahim Ishaq, 27 anni, accusata da un tribunale di Khartoum di apostasia e adulterio

Di Redazione

ROMA, 14 Maggio 2014 (Zenit.org) - Condannata a morte e a cento frustate. E' la sentenza di un tribunale sudanese contro Meriam Yahya Ibrahim Ishaq, donna 27enne incinta, giudicata colpevole di apostasia e di adulterio per aver sposato un cittadino sudsudanese cristiano.

A riferirlo sono fonti giudiziarie citate dall’emittente Al Jazeera. Il caso di Ibrahim - riferisce L'Osservatore Romano - ha sollevato proteste degli attivisti per i diritti umani in Sudan, che hanno chiesto al Governo di Khartoum di rispettare la libertà di religione, peraltro esplicitamente affermata dalla Costituzione del 2005.

Il tribunale si è basato invece sull’interpretazione della sharia, la legge coranica introdotta in Sudan nel 1983, che vieta a una musulmana di sposare un non musulmano (mentre è consentito il contrario). In realtà, la donna, figlia di un sudanese musulmano e di una etiope ortodossa, era stata educata nella sua fede dalla madre, abbandonata dal marito. Ma secondo la sharia la figlia di un musulmano è comunque musulmana.

Le ambasciate di Canada, Gran Bretagna, Olanda e Stati Uniti hanno chiesto al Governo sudanese di intervenire sul caso "con giustizia e compassione in linea con i valori del popolo sudanese".

NOTIZIE CORRELATE
18 Ottobre 2018

Vescovi Usa: plauso per la fine della pena di morte nello Stato di Washington


"Ci uniamo ai vescovi cattolici di Washington, alla Conferenza cattolica dello Stato di Washington, alla rete di mobilitazione cattolica e a tutte le persone di buona volontà nell'accogliere favorevolmente questa decisione e perseverare nel lavoro per porre fine alla pena di morte"
12 Ottobre 2018
STATI UNITI

Lo Stato di Washington ha abolito la pena di morte


La Corte suprema dello Stato di Washington ha stabilito che la pena di morte “viola la Costituzione” e di conseguenza viene abolita
10 Ottobre 2018

10 ottobre 2018 - Giornata Mondiale contro la Pena di Morte, Sant'Egidio rafforza l'impegno per l'abolizione

10 Ottobre 2018
Giornata mondiale contro la pena di morte

Intervista a Mario Marazziti, della Comunità di Sant'Egidio: la vendetta rende prigionieri


Nel 2017 la maggior parte delle esecuzioni ha avuto luogo in Iran, Arabia Saudita, Iraq e Pakistan.
9 Agosto 2018
The Los Angeles Times

The Catholic Church's opposition on the death penalty began with previous popes


By Mario Marazziti
29 Giugno 2018
BURKINA FASO

Il Burkina Faso elimina la pena di morte: un altro passo verso l’abolizionismo globale

tutte le notizie correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
28 Novembre 2016
AP

High court to examine mental disability, death penalty issue
12 Novembre 2016
Internazionale

Si rafforza la pena di morte negli Stati Uniti
11 Novembre 2016

Al liceo classico “Socrate” di Bari, conferenza “Non c’è giustizia senza vita”
24 Ottobre 2016
New York Times

The Death Penalty, Nearing Its End
4 Giugno 2016
The Washington Post

Meet the red-state conservatives fighting to abolish the death penalty
tutta la rassegna stampa correlata

VIDEO FOTO
53
Video promo Cities for Life 2015
3:22

1 visite

0 visite

1 visite

9 visite

5 visite
tutta i media correlati