Le donazioni alla Comunità di Sant'Egidio sono fiscalmente deducibili
secondo la normativa vigente
 
Anche quest'anno è possibile destinare il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio
Scrivi il numero 80191770587 nella dichiarazione dei redditi

Andrea Riccardi: sul web

Andrea Riccardi: sui social network

Andrea Riccardi: la rassegna stampa

change language
sei in: no pena di morte - news newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

 
9 Ottobre 2014

Simonovic: “Finché esisterà la pena di morte ci si dovrà battere per abolirla”

L'Onu invita i paesi abolizionisti a non abbassare la guardia

Join the global campain! Cities for life, Cities against the Death Penalty

 
versione stampabile

“Finche’ esistera’ la pena di morte ci si dovra’ battere per abolirla”: lo ha detto a Ginevra l’assistente segretario generale dell’Onu ed ex ministro della giustizia croato Ivan Simonovic invitando i paesi abolizionisti a non abbassare la guardia. Presentando la pubblicazione “Moving away from the Death Penalty, Arguments, Trends and Perspectives” dell’Ufficio dell’Alto Commissario per i Diritti Umani, Simonovic ha celebrato il “processo accelerato” della tendenza all’abolizione da quando nel 1948 e’ stata adottata la Dichiarazione Universale per i Diritti dell’Uomo ma ha osservato anche che, a fronte dei successi, ci sono state recentemente battute d’arresto o passi indietro. “Nel 1948 solo 14 Paesi avevano abolito la pena di morte, la maggioranza in Sud America”, ha detto Simonovic mentre oggi sono 160 le nazioni del mondo che per legge o di fatto non fanno piu’ esecuzioni. Recentemente la Guinea Equatoriale, il Pakistan e negli Usa gli stati di Washington, Maryland e Connecticut negli Stati Uniti hanno imposto la moratoria mentre lo scorso aprile El Salvador, Gabon e Polonia hanno aderito al Secondo Protocollo Opzionale del Trattato Internazionale sui Diritti Civili e Politici che punta all’abolizione. Non ci sono pero’ solo i successi: alcuni Stati hanno riaperto le camere della morte, altri hanno reintrodotto la pena capitale per alcuni reati particolarmente gravi. “Nel 2013, dopo anni di lenta ma costante presa di distanza dalla pena di morte c’e’ stato un aumento del 12 per cento delle esecuzioni rispetto al 2012 e il numero delle Nazioni che mettono a morte e’ aumentato di uno”, ha detto Simonovic secondo cui, proprio per queste ragioni, e’ necessario non abbassare la guardia. La relazione di Simonovic precede di qualche settimana la ripresa del dibattito al Palazzo di Vetro della risoluzione sulla moratoria. Il  documento viene discusso e votato ogni due anni e nel 2012 ha ottenuto 111 voti favorevoli. 

NEWS CORRELATE
5 Maggio 2018
STATI UNITI

Robert Earl Butts Jr. è stato messo a morte per iniezione letale venerdì 4 maggio 2018

3 Maggio 2018
STATI UNITI
Per ora Robert è salvo! Ringraziamo per questi 90 giorni di sospensione e continuiamo a inviare appelli per la salvezza di Robert Butts Jr.

Il Comitato per la Clemenza della Georgia ha sospeso l'esecuzione di Robert Butts Jr a meno di 24 dalla esecuzione!


Continuiamo a inviare appelli
10 Aprile 2018
COSTA D'AVORIO

Dichiarazione finale del Congresso Regionale in Abidjan


La svolta africana: umanizzare le carceri e abolire la Pena di Morte
9 Aprile 2018
COSTA D'AVORIO
E' il terzo Congresso Regionale contro la pena capitale. Grande l'interesse, si sono iscritte oltre 300 persone

Il Congresso Regionale delle Associazioni Abolizioniste del mondo in Costa d'Avorio il 9 e 10 aprile 2018


La sessione plenaria del 10 Aprile dal titolo “Pena di morte, povertà, condizioni carcerarie: da una Giornata Mondiale all'altra” sarà presieduta da Annemarie Pieters (al centro nella foto)
23 Febbraio 2018
STATI UNITI

Lo stato della Florida ha portato a compimento l'esecuzione letale di Branch, nella prigione statale della Florida a Raiford


Branch, che era nel braccio della morte da quasi 25 anni, è stato dichiarato morto per un'iniezione letale alle 6:05 del pomeriggio
23 Febbraio 2018
STATI UNITI

Il governatore Greg Abbott ha commutato in pena a vita Thomas Whitacker


Il governatore ha ha accettato la raccomandazione rara e unanime del Texas Board of Pardons and Parole di concedere la grazia Thomas, condannato a morte, la cui esecuzione doveva avere luogo ieri
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
28 Novembre 2016
AP

High court to examine mental disability, death penalty issue
12 Novembre 2016
Internazionale

Si rafforza la pena di morte negli Stati Uniti
11 Novembre 2016

Al liceo classico “Socrate” di Bari, conferenza “Non c’è giustizia senza vita”
24 Ottobre 2016
New York Times

The Death Penalty, Nearing Its End
4 Giugno 2016
The Washington Post

Meet the red-state conservatives fighting to abolish the death penalty
tutta la rassegna stampa correlata

VIDEO FOTO
53
Video promo Cities for Life 2015
3:22

9 visite

5 visite

5 visite

6 visite

8 visite
tutta i media correlati