Le donazioni alla Comunità di Sant'Egidio sono fiscalmente deducibili
secondo la normativa vigente
 
Anche quest'anno è possibile destinare il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio
Scrivi il numero 80191770587 nella dichiarazione dei redditi

Andrea Riccardi: sul web

Andrea Riccardi: sui social network

Andrea Riccardi: la rassegna stampa

change language
sei in: no pena di morte - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

 
9 Novembre 2014

La Santa Sede all'Onu

Intervento dell'arcivescovo Bernardito Auza nel corso alla 69a sessione dell’assemblea generale dell'ONU

Pubblichiamo la traduzione italiana dell'intervento sui diritti dell'uomo pronunciato il 29 ottobre a New York dall' osservatore permanente della Santa Sede presso le Nazioni Unite

 
versione stampabile

Signora Presidente,

Desidero ringraziare i diversi Relatori speciali e Mandatari speciali per i loro rapporti e per il lavoro svolto lo scorso anno. Il dibattito odierno porta alla luce un numero elevato di sfide serie ai diritti umani in tutto il mondo e ci ricorda la necessità di ricostruire la fiducia nel sistema dei diritti umani sostenendo i diritti umani fondamentali.

Il diritto alla vita, così come è racchiuso nella legge naturale e protetto dalle norme del diritto umanitario internazionale, è alla base di tutti i diritti umani. La Santa Sede ribadisce che tutta la vita deve essere protetta integralmente in ogni sua fase, dal concepimento fino alla morte naturale.

A tale riguardo, la mia Delegazione apprezza la diminuzione, negli ultimi due anni, del ricorso alla pena di morte nel mondo. Come ha affermato Papa Francesco dinanzi ai rappresentanti dell’Associazione internazionale di diritto penale ricevuti in Vaticano lo scorso 23 ottobre: “È impossibile immaginare che oggi gli Stati non possano disporre di un altro mezzo che non sia la pena capitale per difendere dall’aggressore ingiusto la vita di altre persone”. Il Papa raccomanda anche l’abolizione dell’ergastolo, che definisce “una pena di morte nascosta” perché, come la pena di morte, esclude qualsiasi possibilità di redenzione e di recupero. Ha messo in guardia dal “populismo penale” che per risolvere i mali della società privilegia la punizione rispetto a una ricerca più rigorosa della giustizia sociale e a misure preventive. Ciò è particolarmente importante quando si tratta di delinquenza giovanile e di crimini commessi da anziani. Papa Francesco ha invitato tutte le persone di buona volontà a lottare anche per migliorare le condizioni nelle carceri, per rispetto della dignità umana dei detenuti, molti dei quali, in tante parti del mondo, vengono rinchiusi per lunghi periodi senza processo.

Insieme al diritto alla vita, anche il diritto alla libertà di pensiero, di coscienza e di religione continua a dovere affrontare sfide serie in tutto il mondo. In alcune regioni le violazioni contro la libertà di religione si sono moltiplicate e sono diventate più intense nella loro brutalità, specialmente contro le minoranze religiose. La mia Delegazione insiste sul fatto che queste spietate violazioni non devono essere viste solo come violenza contro minoranze etniche e religiose, ma devono anzitutto e soprattutto essere condannate come palesi violazioni di diritti umani fondamentali e trattate di conseguenza.

In altre parti del mondo la libertà di religione deve confrontarsi con gli ostacoli legali eretti dalle autorità pubbliche e subire il comportamento condiscendente, se non addirittura discriminatorio, da parte di certe persone nella società. Alcune autorità cercano di limitare l’osservanza religiosa alla sfera del privato e impongono obblighi legali che sono in conflitto con la coscienza personale e con le credenze religiose. Data questa comprensione travisata della libertà di religione e altri fraintendimenti simili ancor oggi esistenti, la mia Delegazione desidera osservare che la lotta per la libertà religiosa di religione è stata alle origini di certe nazioni. Il diritto alla libertà di pensiero, di coscienza e di religione è un diritto umano fondamentale inalienabile; pertanto, è sempre stato e sempre sarà al centro della lotta per il riconoscimento dei diritti umani fondamentali e il loro libero esercizio.

In questo contesto la mia Delegazione apprezza il Rapporto provvisorio del Relatore speciale sulla libertà di religione o di credo (A/69/261) che, tra le altre cose, identifica misure di “ragionevole intesa” per superare la discriminazione e la violazione di questo diritto umano fondamentale nel posto di lavoro. Di fatto, un mondo che davvero rispetta la libertà di religione deve andare oltre la mera tolleranza. La Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo e gli strumenti internazionali relativi ai diritti umani affermano in modo esplicito che la libertà di religione o di credo comprende il diritto di tutti di praticare la propria fede singolarmente o in comunità, in pubblico o in privato, e il diritto di cambiare la propria religione o il proprio credo.

Al fine di rispondere a queste sfide, dobbiamo rafforzare il sistema internazionale dei diritti umani. La mia Delegazione spera che la risoluzione su Rafforzare e migliorare il funzionamento effettivo del sistema del corpo degli organi dei trattati sui diritti umani (A/RES/68/268) si traduca in una riforma significativa per un maggior rispetto dei trattati (pacta sunt servanda) e in un controllo fedele e oggettivo, non politico o ideologico.

Signora Presidente,

Con le lezioni apprese dal nostro fallimento nell’arrestare violazioni massicce di diritti umani fondamentali – compresa soprattutto la libertà di religione – e del diritto umanitario internazionale, è giunto il momento di prendere decisioni coraggiose. La mia Delegazione attende con piacere di lavorare insieme a tutte le delegazioni durante questa sessione per rafforzare il rispetto e l’apprezzamento dei diritti umani fondamentali nel mondo.

Grazie, Signora Presidente.
 

NEWS CORRELATE
20 Agosto 2016
STATI UNITI
PENA SOSPESA PER JEFF WOOD

L'ESECUZIONE DI JEFFERY WOOD NON AVRA' LUOGO


LA SUA ESECUZIONE ERA STATA FISSATA PER IL 24 AGOSTO 2016
5 Luglio 2016
CONAKRY, GUINEA
L'abolizione della pena capitale era stata indicata come possibile dal Ministro della Giustizia Cheik Sako nel corso del Convegno promosso a Roma dalla Comunità di Sant'Egidio lo scorso febbraio

Guinea-Conakry: il parlamento ha approvato l'abolizione pena di morte dal codice penale


E' il primo passo per passare dalla moratoria de facto alla moratoria de jure. L'abolizione sarà la tappa successiva
25 Giugno 2016
OSLO, NORVEGIA
Marazziti presenta l'iniziativa della Comunità di Sant'Egidio

"Citiesforlife" a Oslo, come metodo per continuare nella via dell'abolizione #AbolitionNow


A Oslo la marcia degli abolizionisti per le strade della città
20 Giugno 2016
OSLO, NORVEGIA
Inizia oggi il VI Congresso Mondiale Contro la Pena di Morte a Oslo

La Comunità di Sant'Egidio partecipa al Congresso di Oslo con una delegazione da Italia, Congo, Belgio, Spagna, Germania e Indonesia


Sono 1500 gli iscritti provenienti da oltre 80 paesi del mondo, tra loro 20 ministri, 200 diplomatici, parlamentari, accademici, avvocati, associazioni e membri della società civile
4 Giugno 2016
CITTÀ DEL VATICANO
No alla pena di morte e all'ergastolo: "Una pena senza speranza è tortura"

Papa Francesco parlando ai magistrati e giuristi del mondo torna a dire No alla pena di morte

24 Maggio 2016
INDONESIA
La Comunità di Sant'Egidio in Indonesia e le associazioni indonesiane impegnate in difesa dei diritti umani come Kontras, Imparsial, Elsam, Lbh Masyarakat, chiedono di fermare le esecuzioni

La Chiesa e la società civile si mobilitano contro le esecuzioni capitali


Giacarta è tra le 15 città indonesiane dove negli anni scorsi si è tenuta la manifestazione "Città per la vita, città contro la pena di morte" organizzata da Sant'Egidio in oltre duemila comuni nei cinque continenti
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
4 Giugno 2016
The Washington Post

Meet the red-state conservatives fighting to abolish the death penalty
23 Maggio 2016
AP

Malaysian death row convict loses final appeal in Singapore
23 Maggio 2016
AsiaNews

Vescovo filippino: È presto per giudicare il contraddittorio Duterte. No alla pena di morte
14 Maggio 2016
Ilsole24ore

Pfizer blocca i farmaci per la pena di morte negli Usa
14 Maggio 2016
La Stampa

Pena di morte, Pfizer blocca l’uso dei suoi farmaci per le iniezioni letali negli Usa
tutta la rassegna stampa correlata

VIDEO FOTO
53
Video promo Cities for Life 2015
3:22

1 visite

1 visite

7 visite

6 visite

7 visite
tutta i media correlati