Le donazioni alla Comunità di Sant'Egidio sono fiscalmente deducibili
secondo la normativa vigente
 
Anche quest'anno è possibile destinare il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio
Scrivi il numero 80191770587 nella dichiarazione dei redditi

Andrea Riccardi: sul web

Andrea Riccardi: sui social network

Andrea Riccardi: la rassegna stampa

change language
sei in: no pena di morte - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

 
21 Febbraio 2015

Era stato arrestato quando era ancora adolescente

Iran, è stata eseguita la condanna del giovane curdo Saman Naseem

Ne da' notizia Iran Human Rights (Ihr), l'esecuzione sarebbe avvenuta nella prigione di Urmia, nell'Iran nord-occidentale

Iran, Saman Naseen, esecuzione
 
versione stampabile

Iran e' stato giustiziato Saman Naseem, di 22 anni, arrestato quando era ancora adolescente e condannato a morte nell'aprile scorso. Ne da' notizia Iran Human Rights (Ihr), secondo cui il ragazzo e' stato impiccato nella prigione di Urmia, nell'Iran nord-occidentale.

La famiglia e' gia' stata contattata perche' si rechi nel carcere per raccogliere la salma. Per fermare l'esecuzione di Saman Naseem erano scese in campo numerose organizzazioni internazionali, a cominciare da Amnesty International. Il portavoce di Ihr, Mahmood Amiry-Moghaddam, ha ha definito l'esecuzione "disumana" e ha parlato delle "continue violazione iraniane dei diritti umani fondamentali". Il giovane, arrestato quando aveva 17 anni, era stato condannato a morte nell'aprile 2013 da un tribunale penale di Mahabad, nella provincia dell'Azerbaijan occidentale al termine di un processo sommario. Nonostante abbia ratificato la Convenzione delle Nazioni Unite per i Diritti del Fanciullo, l'Iran è il primo paese al mondo per quanto riguarda le esecuzioni di minorenni.

Nella fase iniziale dell'inchiesta non aveva alcun avvocato e, secondo una sua lettera scritta dal carcere, era stato torturato. Saman aveva scritto una lettera dalla prigione per denunciare le torture: "Nei giorni iniziali, la tortura fu cosi' pesante da lasciarmi incapace di camminare. Avevo tutto il corpo nero e blu. Mi hanno lasciato appeso per le mani e per i piedi per ore. E durante gli interrogatori e la tortura avevo gli occhi bendati cosi' da non poter vedere gli agenti".