Le donazioni alla Comunità di Sant'Egidio sono fiscalmente deducibili
secondo la normativa vigente
 
Anche quest'anno è possibile destinare il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio
Scrivi il numero 80191770587 nella dichiarazione dei redditi

Andrea Riccardi: sul web

Andrea Riccardi: sui social network

Andrea Riccardi: la rassegna stampa

change language
sei in: no pena di morte - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

 
24 Settembre 2015 | STATI UNITI

Il discorso di papa Francesco ci incoraggia nella nostra lunga battaglia per l'abolizione della pena capitale

Papa Francesco al Congresso Usa: “Abolite la pena di morte. La vita è sacra!"

Bergoglio ha parlato della responsabilità di difendere la vita umana in ogni fase del suo sviluppo

Comunità di Sant'Egidio, Papa Francesco
 
versione stampabile

Papa Francesco ha parlato al popolo americano dalla sua sede più rappresentativa, un evento storico.  Ha chiesto agli americani di perseguire il bene comune con la politica e con le azioni concrete in aiuto dei deboli, dei profughi e delle famiglie. Ha affermato la sacralità della vita. Ha chiesto l'abolizione della pena di morte.

alcuni stralci dall'articolo di Andrea Tornielli su la Stampa


Di fronte al mondo dilaniato dai conflitti e dal fondamentalismo non bisogna fare l’errore di semplificare la realtà vedendo solo buoni o cattivi. La politica non può essere sottomessa al servizio dell’economia e della finanza. Non dobbiamo lasciarci spaventare dal numero di immigrati ma guardare i loro volti. La vita umana va difesa «in ogni fase del suo sviluppo», la pena di morte abolita. Bisogna far di più per combattere la povertà nel mondo, senza dimenticare quei poveri che vivono sotto casa nostra. Va continuato il cammino di riconciliazione iniziato con il disgelo tra Stati Uniti e Cuba, dialogando e costruendo ponti. Per mettere fine ai conflitti bisogna fermare il commercio delle armi. È necessario aiutare la famiglia «minacciata, forse come mai in precedenza».

 Proteggere la vita, abolire la pena di morte  

Il Papa richiama «la Regola d’Oro» evangelica: «Fai agli altri ciò che vorresti che gli altri facessero a te». Una norma che ci indica una chiara direzione. Trattiamo gli altri con la medesima passione e compassione con cui vorremmo essere trattati. Cerchiamo per gli altri le stesse possibilità che cerchiamo per noi stessi. Aiutiamo gli altri a crescere, come vorremmo essere aiutati noi stessi. In una parola, se vogliamo sicurezza, diamo sicurezza; se vogliamo vita, diamo vita; se vogliamo opportunità, provvediamo opportunità». E qui Francesco parla della «responsabilità di proteggere e difendere la vita umana in ogni fase del suo sviluppo» e all’impegno per abolire la pena di morte, come chiesto anche dai vescovi del Paese. 

NEWS CORRELATE
27 Ottobre 2015
GIAPPONE
L'impegno per abolire la pena capitale

Il supplizio di Iwao, da 47 anni nel braccio della morte


I perché di una moratoria delle esecuzioni in Giappone
7 Ottobre 2015
STATI UNITI
La Comunità di Sant'Egidio, co-fondatrice della WCADP, si unisce alla mobilitazione internazionale con un tour in Texas

10 ottobre 2015 la World Coalition Against the Death Penalty celebra la XIII giornata mondiale contro la pena di morte


Una delegazione di Sant'Egidio parterciperà agli eventi pubblici per Journey of Hope a Dallas e Houston dal 9 al 15 ottobre
4 Ottobre 2015
STATI UNITI
L'esecuzione di Kimber Edwards era prevista per martedì 6 ottobre

Il Governatore del Missouri commuta la condanna di Kimber Edwards


Resta però fissata, sempre per il 6 ottobre, l'esecuzione di Juan Garcia in Texas
25 Marzo 2015
GIAPPONE
Comunità di Sant'Egidio, 27 marzo 2014 – 27 marzo 2015

Messaggio a 1 anno dalla liberazione di Iwao Hakamada


INNOCENTE, per 48 anni nel braccio della morte
12 Marzo 2015
COSTA D'AVORIO
SANT’EGIDIO: "UN ESEMPIO PER TUTTA L’AFRICA”

COSTA D'AVORIO, PENA DI MORTE ABOLITA ANCHE NEL CODICE PENALE

tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
3 Dicembre 2014
La Stampa

Pena di morte per un malato di mente. E l’America si interroga
8 Novembre 2014
Onuitalia.com il giornale italiano delle Nazioni Unite

Moratoria esecuzioni: Sant’Egidio, Ban ci tiene, e’ sua legacy
29 Ottobre 2014
Avvenire

Vescovi filippini: no al ripristino della pena di morte
29 Ottobre 2014
The Philstar

‘No justice without life’”
29 Ottobre 2014
ptvnews.ph/

DOJ to co-host int'l meeting of justice ministers
tutta la rassegna stampa correlata

APPROFONDIMENTI

Dal discorso di Papa Francesco al Congresso

Il nostro mondo sta fronteggiando una crisi di rifugiati di proporzioni tali che non si vedevano dai tempi della Seconda Guerra Mondiale. Questa realtà ci pone davanti grandi sfide e molte dure decisioni. Anche in questo continente, migliaia di persone sono spinte a viaggiare verso il Nord in cerca di migliori opportunità. Non è ciò che volevamo per i nostri figli? Non dobbiamo lasciarci spaventare dal loro numero, ma piuttosto vederle come persone, guardando i loro volti e ascoltando le loro storie, tentando di rispondere meglio che possiamo alle loro situazioni. Rispondere in un modo che sia sempre umano, giusto e fraterno. Dobbiamo evitare una tentazione oggi comune: scartare chiunque si dimostri problematico. Ricordiamo la Regola d’Oro: «Fai agli altri ciò che vorresti che gli altri facessero a te» (Mt 7,12).

Questa norma ci indica una chiara direzione. Trattiamo gli altri con la medesima passione e compassione con cui vorremmo essere trattati. Cerchiamo per gli altri le stesse possibilità che cerchiamo per noi stessi. Aiutiamo gli altri a crescere, come vorremmo essere aiutati noi stessi. In una parola, se vogliamo sicurezza, diamo sicurezza; se vogliamo vita, diamo vita; se vogliamo opportunità, provvediamo opportunità. La misura che usiamo per gli altri sarà la misura che il tempo userà per noi. La Regola d’Oro ci mette anche di fronte alla nostra responsabilità di proteggere e difendere la vita umana in ogni fase del suo sviluppo.

Questa convinzione mi ha portato, fin dall’inizio del mio ministero, a sostenere a vari livelli l’abolizione globale della pena di morte. Sono convinto che questa sia la via migliore, dal momento che ogni vita è sacra, ogni persona umana è dotata di una inalienabile dignità, e la società può solo beneficiare dalla riabilitazione di coloro che sono condannati per crimini.

Recentemente i miei fratelli Vescovi qui negli Stati Uniti hanno rinnovato il loro appello per l’abolizione della pena di morte. Io non solo li appoggio, ma offro anche sostegno a tutti coloro che sono convinti che una giusta e necessaria punizione non deve mai escludere la dimensione della speranza e l’obiettivo della riabilitazione.