Le donazioni alla Comunità di Sant'Egidio sono fiscalmente deducibili
secondo la normativa vigente
 
Anche quest'anno è possibile destinare il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio
Scrivi il numero 80191770587 nella dichiarazione dei redditi

Andrea Riccardi: sul web

Andrea Riccardi: sui social network

Andrea Riccardi: la rassegna stampa

change language
sei in: no pena di morte - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

 
30 Settembre 2015

Pena morte: il sottosegretario Giro "Pensiamo che i delitti debbano ricevere una risposta diversa dalla pena di morte" Italia per moratoria con approccio inclusivo

L'Italia per moratoria con un approccio inclusivo

 
versione stampabile

NEW YORK – Pochi giorni dopo l’appello solenne del papa per l’abolizione della pena di morte, e mentre gli Stati Uniti si preparano a mettere a morte una donna e un disabile, l’Alto Commissario Onu per i Diritti Umani Zeid Ra’ad al Hussein ha auspicato la fine delle esecuzioni in tutto il mondo, secondo una tendenza all’abolizione progressiva da quando, 70 anni fa, solo 14 paesi avevano archiviato il boia dai codici.

La pena capitale provoca danni irreparabili che possono essere inflitti a un innocente, ha detto Zeid nell’ambito di un evento organizzato da Italia, Argentina, Fiji, Rwanda e Benin. Obiettivo della riunione era di “ascoltare le voci delle famiglie”. I diritti delle famiglie – ha detto Zeid, sono spesso invocati da sistemi giudiziari che hanno ripreso a mettere condannati a morte per giustificare la loro scelta. “nella realta – ha detto l’alto commissario – molte famiglie di vittime di assassini credono che rispondere a una uccisione con un’altra uccisione disonori la vittima e non permetta di riprendersi dalla perdita subita a causa del lungo processo di appello”.

Per l’Italia ha portato la voce del governo il sottosegretario agli Esteri Mario Giro:
“Pensiamo che i delitti debbano ricevere una risposta diversa dalla pena di morte.
Combattere l’impunità e assicurare l’accesso alla giustizia per le vittime e’ essenziale sia dal punto di vista della prevenzione al crimine e per la riconciliazione. Campagne di sensibilizzazione del pubblico che puntino su questi elementi sono uno strumento importante per stimolare un dibattito pubblico sulla pena di morte’.

Giro ha ricordato che l’Italia e’ stata all’avanguardia nelle battaglie per la moratoria con il sostegno incrollabile della società italiana: governo, parlamento e la società civile – e ha evocato il crescente consenso delle risoluzioni dell’Assemblea Generale per lo stop di fatto alle esecuzioni. “Siamo orgogliosi di aver promosso un approccio graduale e inclusivo che si e’ dimostrato vincente”, ha detto Giro: “Non vogliamo che altri facciano progressi. Vogliamo fare progressi assieme con gli altri”.

NEWS CORRELATE
2 Maggio 2017
STATI UNITI

Anthony Farina non è più condannato a morte. Non sarà libero, ma non rischia più l'esecuzione


Dal 2012 migliaia di appelli urgenti alle autorità e lettere e cartoline a Anthony hanno sostenuto questo importante cambiamento
29 Aprile 2017
STATI UNITI
Apprendiamo che lo Stato dell'Arkansas ha portato a termine quattro delle esecuzioni previste

L'ultima esecuzione ieri, Kenneth William era un afroamericano di 38 anni

21 Aprile 2017
STATI UNITI

L'Arkansas ha messo a morte uno dei condannati di nome Ledell Lee


E' prima esecuzione dal 2005. La nostra campagna continua con l'invio di appelli e la richiesta di clemenza
15 Aprile 2017
STATI UNITI
Un giudice ha accolto il ricorso dell'azienda produttrice dei farmaci: il prodotto non era stato venduto per questo scopo

Fermate le esecuzioni in Arkansas in seguito all'esposto di un'azienda farmaceutica


Il provvedimento è temporaneo, continuiamo a inviare appelli!
7 Aprile 2017
STATI UNITI

La lotta e le speranze di fermare le esecuzioni in Arkansas


Anche alcune ex guardie carcerarie hanno scritto al governatore, preoccupate per i pesantissimi effetti psicologici sui loro colleghi
3 Marzo 2017
CITTÀ DEL VATICANO, CITTÀ DEL VATICANO

Il Vaticano all' Onu ribadisce il suo no alla pena di morte, non si fa giustizia uccidendo


L'intervento di Mons. Jurkovic a Ginevra
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
28 Novembre 2016
AP

High court to examine mental disability, death penalty issue
12 Novembre 2016
Internazionale

Si rafforza la pena di morte negli Stati Uniti
11 Novembre 2016

Al liceo classico “Socrate” di Bari, conferenza “Non c’è giustizia senza vita”
24 Ottobre 2016
New York Times

The Death Penalty, Nearing Its End
4 Giugno 2016
The Washington Post

Meet the red-state conservatives fighting to abolish the death penalty
tutta la rassegna stampa correlata

VIDEO FOTO
53
Video promo Cities for Life 2015
3:22

13 visite

5 visite

9 visite

7 visite

8 visite
tutta i media correlati