Le donazioni alla Comunità di Sant'Egidio sono fiscalmente deducibili
secondo la normativa vigente
 
Anche quest'anno è possibile destinare il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio
Scrivi il numero 80191770587 nella dichiarazione dei redditi

Andrea Riccardi: sul web

Andrea Riccardi: sui social network

Andrea Riccardi: la rassegna stampa

change language
sei in: no pena di morte - news newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

 
30 Settembre 2015

Pena morte: il sottosegretario Giro "Pensiamo che i delitti debbano ricevere una risposta diversa dalla pena di morte" Italia per moratoria con approccio inclusivo

L'Italia per moratoria con un approccio inclusivo

 
versione stampabile

NEW YORK – Pochi giorni dopo l’appello solenne del papa per l’abolizione della pena di morte, e mentre gli Stati Uniti si preparano a mettere a morte una donna e un disabile, l’Alto Commissario Onu per i Diritti Umani Zeid Ra’ad al Hussein ha auspicato la fine delle esecuzioni in tutto il mondo, secondo una tendenza all’abolizione progressiva da quando, 70 anni fa, solo 14 paesi avevano archiviato il boia dai codici.

La pena capitale provoca danni irreparabili che possono essere inflitti a un innocente, ha detto Zeid nell’ambito di un evento organizzato da Italia, Argentina, Fiji, Rwanda e Benin. Obiettivo della riunione era di “ascoltare le voci delle famiglie”. I diritti delle famiglie – ha detto Zeid, sono spesso invocati da sistemi giudiziari che hanno ripreso a mettere condannati a morte per giustificare la loro scelta. “nella realta – ha detto l’alto commissario – molte famiglie di vittime di assassini credono che rispondere a una uccisione con un’altra uccisione disonori la vittima e non permetta di riprendersi dalla perdita subita a causa del lungo processo di appello”.

Per l’Italia ha portato la voce del governo il sottosegretario agli Esteri Mario Giro:
“Pensiamo che i delitti debbano ricevere una risposta diversa dalla pena di morte.
Combattere l’impunità e assicurare l’accesso alla giustizia per le vittime e’ essenziale sia dal punto di vista della prevenzione al crimine e per la riconciliazione. Campagne di sensibilizzazione del pubblico che puntino su questi elementi sono uno strumento importante per stimolare un dibattito pubblico sulla pena di morte’.

Giro ha ricordato che l’Italia e’ stata all’avanguardia nelle battaglie per la moratoria con il sostegno incrollabile della società italiana: governo, parlamento e la società civile – e ha evocato il crescente consenso delle risoluzioni dell’Assemblea Generale per lo stop di fatto alle esecuzioni. “Siamo orgogliosi di aver promosso un approccio graduale e inclusivo che si e’ dimostrato vincente”, ha detto Giro: “Non vogliamo che altri facciano progressi. Vogliamo fare progressi assieme con gli altri”.

NEWS CORRELATE
18 Giugno 2018
BIELORUSSIA
La Bielorussia è l'unico paese europeo che ancora mantiene e applica la pena capitale, la sospensione delle due condanne è un fatto senza precedenti

La Corte Suprema bielorussia sospende due condanne a morte


la diplomazia francese era intervenuta lo scorso anno con un comunicato con il quale invitava la Bielorussia ad introdurre una moratoria contro la pena di morte
5 Maggio 2018
STATI UNITI

Robert Earl Butts Jr. è stato messo a morte per iniezione letale venerdì 4 maggio 2018

3 Maggio 2018
STATI UNITI
Per ora Robert è salvo! Ringraziamo per questi 90 giorni di sospensione e continuiamo a inviare appelli per la salvezza di Robert Butts Jr.

Il Comitato per la Clemenza della Georgia ha sospeso l'esecuzione di Robert Butts Jr a meno di 24 dalla esecuzione!


Continuiamo a inviare appelli
10 Aprile 2018
COSTA D'AVORIO

Dichiarazione finale del Congresso Regionale in Abidjan


La svolta africana: umanizzare le carceri e abolire la Pena di Morte
9 Aprile 2018
COSTA D'AVORIO
E' il terzo Congresso Regionale contro la pena capitale. Grande l'interesse, si sono iscritte oltre 300 persone

Il Congresso Regionale delle Associazioni Abolizioniste del mondo in Costa d'Avorio il 9 e 10 aprile 2018


La sessione plenaria del 10 Aprile dal titolo “Pena di morte, povertà, condizioni carcerarie: da una Giornata Mondiale all'altra” sarà presieduta da Annemarie Pieters (al centro nella foto)
23 Febbraio 2018
STATI UNITI

Lo stato della Florida ha portato a compimento l'esecuzione letale di Branch, nella prigione statale della Florida a Raiford


Branch, che era nel braccio della morte da quasi 25 anni, è stato dichiarato morto per un'iniezione letale alle 6:05 del pomeriggio
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
28 Novembre 2016
AP

High court to examine mental disability, death penalty issue
12 Novembre 2016
Internazionale

Si rafforza la pena di morte negli Stati Uniti
11 Novembre 2016

Al liceo classico “Socrate” di Bari, conferenza “Non c’è giustizia senza vita”
24 Ottobre 2016
New York Times

The Death Penalty, Nearing Its End
4 Giugno 2016
The Washington Post

Meet the red-state conservatives fighting to abolish the death penalty
tutta la rassegna stampa correlata

VIDEO FOTO
53
Video promo Cities for Life 2015
3:22

9 visite

5 visite

5 visite

6 visite

8 visite
tutta i media correlati