Le donazioni alla Comunità di Sant'Egidio sono fiscalmente deducibili
secondo la normativa vigente
 
Anche quest'anno è possibile destinare il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio
Scrivi il numero 80191770587 nella dichiarazione dei redditi

Andrea Riccardi: sul web

Andrea Riccardi: sui social network

Andrea Riccardi: la rassegna stampa

change language
sei in: no pena di morte - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

 
4 Ottobre 2015 | STATI UNITI

L'esecuzione di Kimber Edwards era prevista per martedì 6 ottobre

Il Governatore del Missouri commuta la condanna di Kimber Edwards

Resta però fissata, sempre per il 6 ottobre, l'esecuzione di Juan Garcia in Texas

Papa Francesco, death penalty, Missouri, Kimber Edwards, San Giovanni Paolo II
 
versione stampabile

Il governatore del Missouri, Jay Nixon, ha commutato in modo definitivo la condanna a morte del detenuto Kimber Edwards nel carcere a vita senza possibilità di chiedere la libertà condizionale. E' una notizia importante sulla pena di morte negli Stati Uniti, dopo l’appello del Papa. Kimber Edwards, che ha 51 anni, doveva essere giustiziato martedì 6 ottobre.

Il governatore Nixon ha spiegato di non aver deciso a cuor leggero di fermare l’esecuzione, ma solo dopo un’attenta considerazione della totalità della circostanze. È la seconda volta che il governatore Nixon, un esponente dei Democratici, sceglie di commutare una pena di morte in un ergastolo: era già avvenuto nel 2011. Negli ultimi due anni – però – il Missouri era stato insieme al Texas lo Stato americano che aveva eseguito più sentenze capitali.

Proprio in Missouri il 27 gennaio del 1999 durante la messa celebrata nello stadio coperto di St. Louis in Missouri, di fronte a 100.000 persone, per la maggior parte giovani, il Papa Giovanni Paolo II aveva richiamato i Cattolici Americani a scegliere per la vita dicendo: "La nuova evangelizzazione richiede ai discepoli di Cristo di essere incondizionatamente a favore della vita. La società moderna è in possesso dei mezzi per proteggersi, senza negare ai criminali la possibilità di redimersi. La pena di morte è crudele e non necessaria, questo vale anche per colui che ha fatto molto del male". In seguito a questo appello l'allora governatore del Missouri Mel Carnahan concesse la grazia a Darrell Mease, condannato a morte per un triplice omicidio. Mease, reduce del Vietnam condannato per aver ucciso una coppia e il loro figlio invalido, doveva morire proprio il 27 gennaio 1999, quando il Papa faceva sosta in Missouri.

Così spiega il suo gesto il governatore Mel Carnaahan: "Il Papa mi disse: "Abbia pietà di Darrell Mease". Ho preso in considerazione le circostanze straordinarie di questa richiesta e il significato storico della visita pontificia a St.Louis e nello Stato del Missouri. Ho agito solo per un senso di profondo e obbediente rispetto per il Pontefice e per tutto quello che rappresenta. Ho preso la decisione dopo una notte tormentata e insonne."

www.santegidio.org/pdm/news2006/pdm20060402.htm