Le donazioni alla Comunità di Sant'Egidio sono fiscalmente deducibili
secondo la normativa vigente
 
Anche quest'anno è possibile destinare il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio
Scrivi il numero 80191770587 nella dichiarazione dei redditi

Andrea Riccardi: sul web

Andrea Riccardi: sui social network

Andrea Riccardi: la rassegna stampa

change language
sei in: no pena di morte - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

 
GEN
22
22 Gennaio 2016 | GENOVA, ITALIA

Palazzo Ducale (Sala del Maggior Consiglio) ore 20.30

Presentazione di "Life. Da Caino al Califfato: verso un mondo senza pena di morte" di Mario Marazziti

Insieme all'autore interverranno Simona Merlo della Comunità di Sant’Egidio, il giornalista della Stampa Domenico Quirico, l’ex sindaco del Comune di Genova Giuseppe Pericu e il comico ligure Dario Vergassola

 
versione stampabile

Marazziti, attuale presidente della commissione Affari Sociali della Camera dei Deputati, da anni impegnato nella lotta per l’abolizione della pena capitale, ripercorre nel libro il sistema giudiziario americano con tutte le sue contraddizioni, analizzando anche il movimento che da anni unisce molti paesi del mondo nella lotta contro la pena di morte. 

In un periodo di grandi tensioni a livello mondiale, sono ancora tanti i paesi che scelgono la pena di morte come soluzione di fronte ai crimini commessi. L’autore ci porta dentro il braccio della morte del Texas, raccontando le vicende dei tanti condannati a morte, molti dei quali innocenti. Da Caino al Califfato, suggerendo che forse quella logica di morte e vendetta che sta alla base della pena di morte legalizzata in molti paesi non è poi tanto lontana da quella che anima i terroristi del nostro tempo e che tanto ci sconvolge. Perché la pena di morte non tiene conto di ciò che dovrebbe essere il fine di ogni pena: la rieducazione e il reinserimento sociale del condannato. Si elimina il problema anziché impegnarsi per far comprendere alla persona lo sbaglio commesso e aiutarla nella ricostruzione dei rapporti con la società civile. Nel ‘700 Cesare Beccaria scriveva: la pena di morte non è un diritto ma è la guerra di una nazione intera contro un solo individuo perché giudica necessaria la sua distruzione. Questo non rende migliore la società. Alla condanna a morte spesso si arriva dopo un processo senza garanzie e arbitrario che vede coinvolta la fascia più debole e povera della società.

Marazziti negli anni ha incontrato tanti condannati a morte e si è battuto per la sospensione della loro pena. Ha guidato il movimento della Comunità di Sant’Egidio per l’abolizione della pena di morte, contribuendo nel 2007 all’approvazione della Risoluzione Onu per una sua moratoria universale. A dialogare con lui ci sarà anche Domenico Quirico, inviato della Stampa, rapito in Siria per cinque mesi e sottoposto più volte a finte esecuzioni insieme al suo compagno di prigionia. Quirico ha spesso testimoniato come l’uso della pena di morte sotto forma di esecuzione stia diventando la prassi del Califfato, dove il valore della vita e la sua dignità sono estremamente compromessi.

Quella della pena di morte sembra per molti paesi la scelta più semplice e popolare di fronte a crimini che colpiscono per la loro crudeltà e per la vulnerabilità delle vittime, rendendo così difficile la sua abolizione.
Marazziti scrive: la pena capitale abbassa la società intera al livello di chi uccide. Anche di fronte a chi ha compiuto crimini orrendi abbiamo il dovere di essere migliori, proprio per dire che è sbagliato, sempre, uccidere. Ad oggi sono ancora tanti i paesi dove la pena di morte è in vigore ma molti altri, in maggioranza, la stanno abbandonando, accettando la sfida di una gestione più complessa del sistema giudiziario. Perché, come scrive Marazziti, un mondo senza pena di morte non è meno sicuro di un mondo che ne fa uso con esibizione di certezze o nel silenzio e nell’indifferenza generale.

NEWS CORRELATE
2 Maggio 2017
STATI UNITI

Anthony Farina non è più condannato a morte. Non sarà libero, ma non rischia più l'esecuzione


Dal 2012 migliaia di appelli urgenti alle autorità e lettere e cartoline a Anthony hanno sostenuto questo importante cambiamento
29 Aprile 2017
STATI UNITI
Apprendiamo che lo Stato dell'Arkansas ha portato a termine quattro delle esecuzioni previste

L'ultima esecuzione ieri, Kenneth William era un afroamericano di 38 anni

21 Aprile 2017
STATI UNITI

L'Arkansas ha messo a morte uno dei condannati di nome Ledell Lee


E' prima esecuzione dal 2005. La nostra campagna continua con l'invio di appelli e la richiesta di clemenza
15 Aprile 2017
STATI UNITI
Un giudice ha accolto il ricorso dell'azienda produttrice dei farmaci: il prodotto non era stato venduto per questo scopo

Fermate le esecuzioni in Arkansas in seguito all'esposto di un'azienda farmaceutica


Il provvedimento è temporaneo, continuiamo a inviare appelli!
7 Aprile 2017
STATI UNITI

La lotta e le speranze di fermare le esecuzioni in Arkansas


Anche alcune ex guardie carcerarie hanno scritto al governatore, preoccupate per i pesantissimi effetti psicologici sui loro colleghi
3 Marzo 2017
CITTÀ DEL VATICANO, CITTÀ DEL VATICANO

Il Vaticano all' Onu ribadisce il suo no alla pena di morte, non si fa giustizia uccidendo


L'intervento di Mons. Jurkovic a Ginevra
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
28 Novembre 2016
AP

High court to examine mental disability, death penalty issue
12 Novembre 2016
Internazionale

Si rafforza la pena di morte negli Stati Uniti
11 Novembre 2016

Al liceo classico “Socrate” di Bari, conferenza “Non c’è giustizia senza vita”
24 Ottobre 2016
New York Times

The Death Penalty, Nearing Its End
4 Giugno 2016
The Washington Post

Meet the red-state conservatives fighting to abolish the death penalty
tutta la rassegna stampa correlata

VIDEO FOTO
53
Video promo Cities for Life 2015
3:22

11 visite

4 visite

6 visite

5 visite

6 visite
tutta i media correlati