Le donazioni alla Comunità di Sant'Egidio sono fiscalmente deducibili
secondo la normativa vigente
 
Anche quest'anno è possibile destinare il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio
Scrivi il numero 80191770587 nella dichiarazione dei redditi

Andrea Riccardi: sul web

Andrea Riccardi: sui social network

Andrea Riccardi: la rassegna stampa

change language
sei in: no pena di morte - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

 
2 Maggio 2017 | STATI UNITI

Anthony Farina non è più condannato a morte. Non sarà libero, ma non rischia più l'esecuzione

Dal 2012 migliaia di appelli urgenti alle autorità e lettere e cartoline a Anthony hanno sostenuto questo importante cambiamento

 
versione stampabile
Anthony Farina, 42 anni, ufficialmente non è più condannato a morte.
Nel corso dell'udienza che si è svolta lo scorso 27 aprile Anthony ha accettato che la sua condanna a morte fosse commutata in condanna detentiva a vita, senza possibilità di uscita, in base alla proposta del procuratore della Florida.
Non è ovviamente libero, ma non è più nel braccio della morte e soprattutto non rischia più l’esecuzione.
Subito dopo l’udienza, in cui è entrato con la divisa arancione dei condannati a morte, Anthony ha chiesto di pregare in una cappella, come gli è stato concesso, dopo tanto tempo.
Dopo aver pregato Anthony ha subito chiesto ai suoi amici dell’associazione Reprieve, che per anni lo ha sostenuto, di contattare la Comunità di Sant’Egidio per ringraziare tutti coloro che lo hanno aiutato, attraverso le lettere, la mobilitazione, l’invio degli appelli ed anche l’illuminazione del Colosseo qualche anno fa e la successiva conferenza stampa che fu organizzata proprio per salvarlo.
Anthony ringrazia la Comunità di Sant’Egidio, perché è certo che senza il sostegno di tutti, non si sarebbe salvato.  
La Comunità di Sant’Egidio, a partire dal novembre 2012, iniziò una campagna di mobilitazione per salvare la vita di Anthony (http://nodeathpenalty.santegidio.org/pageID/229/langID/it/itemID/3965/La_storia_di_Anthony_Farina.html), assieme all’associazione britannica Reprieve e a Nessuno Tocchi Caino. A loro si aggiunsero anche alcuni comuni siciliani e Anthony ebbe la cittadinanza italiana onoraria, dato che la sua famiglia era originaria proprio della Sicilia.
 
Anthony è molto grato perchè continua a ricevere molte lettere. In particolare a Natale riceve un sacco di cartoline di Natale inviate dagli italiani, tra cui carte un’insegnante e tutta la sua classe. Tutti gesti che alcuni considerano piccoli, in realtà sono grandi gesti di amicizia.
Anthony ha parlato ai suoi amici delle sue primi sensazioni dopo la sentenza. come detto sopra, l’eccitazione perché finalmente ha potuto "camminare in una cappella"e poi può pensare al futuro ed approfondire la sua fede religiosa.
Presto Anthony verrà trasferito in un carcere ordinario. Sa che potrà contare sull’amicizia di tanti, anche ora che non è più nel braccio della morte.
Appena sapremo in quale penitenziario sarà mandato, potremo riprendere a scrivergli, anzitutto per esprimergli tutte le nostre felicitazioni! 
NEWS CORRELATE
29 Aprile 2017
STATI UNITI
Apprendiamo che lo Stato dell'Arkansas ha portato a termine quattro delle esecuzioni previste

L'ultima esecuzione ieri, Kenneth William era un afroamericano di 38 anni

21 Aprile 2017
STATI UNITI

L'Arkansas ha messo a morte uno dei condannati di nome Ledell Lee


E' prima esecuzione dal 2005. La nostra campagna continua con l'invio di appelli e la richiesta di clemenza
15 Aprile 2017
STATI UNITI
Un giudice ha accolto il ricorso dell'azienda produttrice dei farmaci: il prodotto non era stato venduto per questo scopo

Fermate le esecuzioni in Arkansas in seguito all'esposto di un'azienda farmaceutica


Il provvedimento è temporaneo, continuiamo a inviare appelli!
7 Aprile 2017
STATI UNITI

La lotta e le speranze di fermare le esecuzioni in Arkansas


Anche alcune ex guardie carcerarie hanno scritto al governatore, preoccupate per i pesantissimi effetti psicologici sui loro colleghi
3 Marzo 2017
CITTÀ DEL VATICANO, CITTÀ DEL VATICANO

Il Vaticano all' Onu ribadisce il suo no alla pena di morte, non si fa giustizia uccidendo


L'intervento di Mons. Jurkovic a Ginevra
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
28 Novembre 2016
AP

High court to examine mental disability, death penalty issue
12 Novembre 2016
Internazionale

Si rafforza la pena di morte negli Stati Uniti
11 Novembre 2016

Al liceo classico “Socrate” di Bari, conferenza “Non c’è giustizia senza vita”
24 Ottobre 2016
New York Times

The Death Penalty, Nearing Its End
4 Giugno 2016
The Washington Post

Meet the red-state conservatives fighting to abolish the death penalty
tutta la rassegna stampa correlata

VIDEO FOTO
53
Video promo Cities for Life 2015
3:22

11 visite

4 visite

6 visite

5 visite

6 visite
tutta i media correlati