Le donazioni alla Comunità di Sant'Egidio sono fiscalmente deducibili
secondo la normativa vigente
 
Anche quest'anno è possibile destinare il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio
Scrivi il numero 80191770587 nella dichiarazione dei redditi

Andrea Riccardi: sul web

Andrea Riccardi: sui social network

Andrea Riccardi: la rassegna stampa

change language
sei dentro: no pena di morte - rassegna stampa newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

 

AsiaNews

25 Febbraio 2016

Kyrgyzstan: Qui la pena di morte “non esiste”

L’esecuzione capitale è stata eliminata nel 2007. Tuttavia il rifiuto della pena di morte considerato una “strana idea dell’occidente”

 
versione stampabile

 di Sergei Colubr

 
da http://www.asianews.it/notizie
 
Durante l’Angelus di domenica scorsa papa Francesco ha chiesto di abolire la pena capitale in tutto il mondo. Ma i media del Kyrgyzstan non hanno dato spazio alla notizia perché “ufficialmente essa non esiste”. Eliminata nel 2007, l’esecuzione capitale si ripropone a volte come “atto involontario” della polizia. Il rifiuto della pena di morte considerato una “strana idea dell’occidente”.
 
 
Bishkek (AsiaNews) – L’appello che papa Francesco ha lanciato durante l’Angelus di domenica scorsa per l’abolizione a livello mondiale della pena di morte non ha avuto commenti sui media in Kyrgyzstan, perché qui ufficialmente questo problema non esiste.
 
Più che altro la maggioranza della popolazione del Kyrgyzstan condivide l’opinione prevalente espressa dalla Chiesa cattolica nel catechismo: “Corrisponde ad un’esigenza di tutela del bene comune lo sforzo dello Stato inteso a contenere il diffondersi di comportamenti lesivi dei diritti dell'uomo e delle regole fondamentali della convivenza civile. La legittima autorità pubblica ha il diritto ed il dovere di infliggere pene proporzionate alla gravità del delitto. La pena ha innanzi tutto lo scopo di riparare il disordine introdotto dalla colpa. Quando è volontariamente accettata dal colpevole, essa assume valore di espiazione. La pena poi, oltre che a difendere l'ordine pubblico e a tutelare la sicurezza delle persone, mira ad uno scopo medicinale: nella misura del possibile, essa deve contribuire alla correzione del colpevole. L’insegnamento tradizionale della Chiesa non esclude, supposto il pieno accertamento dell'identità e della responsabilità del colpevole, il ricorso alla pena di morte, quando questa fosse l'unica via praticabile per difendere efficacemente dall'aggressore ingiusto la vita di esseri umani”.
 
I cattolici in Kyrgyzstan sono una piccola comunità – circa 300 persone [su una popolazione totale di 5,6 milioni, ndr] – ma i protestanti sono un po’ più attivi anche a livello sociale e nelle discussioni sulla pena di morte citano l’insegnamento di san Paolo: “I governanti non invano portano la spada” (Rom 13,4).
 
Possiamo dire che le persone nel Paese ritengono che il divieto della pena capitale è collegato con la scomparsa delle credenze sulle attività di Satana, che è davvero spietato e contro di lui la società dovrebbe avere il diritto di difendersi. Il rifiuto della pena di morte è visto piuttosto come un’altra strana idea che viene dalla cultura occidentale.
 
Secondo la legge dello Stato, la pena di morte è proibita. Il 27 giugno 2007 il presidente Kurmanbek Bakiyev ha firmato l’emendamento del Codice di procedura criminale che aboliva la pena capitale. La Costituzione del Kyrgyzstan è stata modificata per affermare che “nessuno nella repubblica kyrgyza può essere privato della vita”.
 
Nonostante questo, a volte la pena di morte è imposta dalla polizia “involontariamente”.
 
Per capire meglio si può citare un esempio di qualche mese fa. La notte del 12 ottobre nove detenuti sono evasi dal carcere “N.50” situato nel villaggio Lower Nooruz. Sette di loro erano stati condannati all’ergastolo (uno per aver ucciso la sua famiglia, tra cui il nipote di 14 anni) e due erano sotto processo. Gli evasi hanno assassinato in modo brutale tre guardie carcerarie – piantandogli dei chiodi in testa. Un altro uomo, il colonnello Tilek Abylgaliev, è stato ferito in modo grave e in seguito è deceduto.
 
Cinque dei nove evasi sono stati arrestati un’ora dopo la fuga, ma gli altri sono morti sotto gli spari della polizia mentre venivano arrestati nei giorni successivi. Potremmo dire che le forze dell’ordine, sapendo che i galeotti sarebbero stati condannati a morte, hanno eseguito su di loro la sentenza di morte. I funzionari sono stati anche lodati dai loro superiori per la loro professionalità.
NOTIZIE CORRELATE
27 Novembre 2018
REGNO UNITO
Roma, 28 novembre

IX Incontro internazionale dei ministri della Giustizia per "Un mondo senza pena di morte"


presso la Nuova Aula dei Gruppi parlamentari - Camera dei Deputati
27 Novembre 2018
#STAND4HUMANITY

IL 30 NOVEMBRE AL COLOSSEO: CITTA' PER LA VITA , CONTRO LA PENA DI MORTE


Lato Arco di Costantino ore 18
14 Novembre 2018
NEW YORK, STATI UNITI
La Terza Commissione dell'Assemblea Generale dell'ONU ha approvato la risoluzione per la moratoria con 123 voti a favore

Approvata la risoluzione sulla moratoria della pena di morte con un numero maggiore di consensi rispetto al 2016


Un segnale positivo verso l’obiettivo dell’abolizione completa della pena capitale nel mondo!
3 Novembre 2018
La pena di morte in Germania venne applicata fin dal Medioevo. Fu cancellata dall'ordinamento giudiziario della Repubblica Federale nel 1949, mentre nella Repubblica Democratica fu abolita nel 1987

Germania: lo stato tedesco dell'Assia ha eliminato la pena di morte dalla costituzione che la conservava per un'anomalia giuridica


Con il loro voto i cittadini hanno modificato una norma che da 69 anni conservava la pena di morte
18 Ottobre 2018

Vescovi Usa: plauso per la fine della pena di morte nello Stato di Washington


"Ci uniamo ai vescovi cattolici di Washington, alla Conferenza cattolica dello Stato di Washington, alla rete di mobilitazione cattolica e a tutte le persone di buona volontà nell'accogliere favorevolmente questa decisione e perseverare nel lavoro per porre fine alla pena di morte"
12 Ottobre 2018
STATI UNITI

Lo Stato di Washington ha abolito la pena di morte


La Corte suprema dello Stato di Washington ha stabilito che la pena di morte “viola la Costituzione” e di conseguenza viene abolita
tutte le notizie correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
28 Novembre 2016
AP

High court to examine mental disability, death penalty issue
12 Novembre 2016
Internazionale

Si rafforza la pena di morte negli Stati Uniti
11 Novembre 2016

Al liceo classico “Socrate” di Bari, conferenza “Non c’è giustizia senza vita”
24 Ottobre 2016
New York Times

The Death Penalty, Nearing Its End
4 Giugno 2016
The Washington Post

Meet the red-state conservatives fighting to abolish the death penalty
tutta la rassegna stampa correlata

VIDEO FOTO
53
Video promo Cities for Life 2015
3:22

0 visite

0 visite

0 visite

0 visite

0 visite
tutta i media correlati