Le donazioni alla Comunità di Sant'Egidio sono fiscalmente deducibili
secondo la normativa vigente
 
Anche quest'anno è possibile destinare il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio
Scrivi il numero 80191770587 nella dichiarazione dei redditi

Andrea Riccardi: sul web

Andrea Riccardi: sui social network

Andrea Riccardi: la rassegna stampa

change language
sei dentro: no pena di morte - rassegna stampa newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

 

AsiaNews

23 Maggio 2016

Vescovo filippino: È presto per giudicare il contraddittorio Duterte. No alla pena di morte

Mons. Broderick Pabillo, vescovo ausiliare di Manila: “La morte non è mai il modo per generare una vita migliore"

 
versione stampabile
Mons. Broderick Pabillo, ausiliare di Manila, afferma che “il neo eletto presidente ha introdotto un linguaggio di odio e violenza nel panorama politico. Non sappiamo quanto di quello che dice sia solo propaganda”. Il sindaco di Davao vuole introdurre il bando degli alcolici, il coprifuoco per i minori e l’impiccagione. “La morte non è mai il modo per generare una vita migliore”.
 
 Manila (AsiaNews) – “Non so quanto di quello che dice Duterte sia propaganda, quanto sia provocazione e quali siano invece le sue reali intenzioni. Noi ci atteniamo all’insegnamento della Chiesa, che non cambia e che promuove la vita e non la morte”. Mons. Broderick Pabillo, vescovo ausiliario della diocesi di Manila, commenta così le prime parole di Rodrigo Duterte da neo-eletto presidente delle Filippine, e la sua proposta di reintrodurre la pena di morte per impiccagione.
 
Il 9 maggio scorso il sindaco di Davao ha vinto con ampio margine le elezioni, conquistando il 38% delle preferenze. Il giuramento è previsto per il 30 giugno. Nella sua prima conferenza stampa dopo la vittoria, “il giustiziere” ha dichiarato: “Insisterò sul Congresso perché reintroduca la pena di morte per impiccagione”. Il provvedimento è stato abolito nel 2006.
 
Rodrigo “Digong” Duterte, 71 anni, è membro del Pdp-Laban Party e per più di 22 anni è stato sindaco di Davao City (sud Mindanao), città che ha trasformato da luogo arretrato e malavitoso a “città più sicura d’Asia”.
 
Il neo eletto presidente ha dichiarato di voler introdurre il “modello Davao” a livello nazionale. Esso implica lo sradicare ogni tipo di crimine organizzato, l’introduzione del coprifuoco per i minori, compreso il carcere per i genitori che permettono ai propri figli di uscire negli orari proibiti, e il bando della vendita di alcol nei luoghi pubblici. Parlando ai media, Duterte ha affermato: “Il mio ordine è di sparare e uccidere chi fa resistenza”. In politica estera egli si è detto pronto ad avere relazioni più strette con la Cina e ad iniziare colloqui diretti con Pechino per risolvere le dispute territoriali nel mar Cinese meridionale.
 
Alla vigilia delle elezioni, una parte della società filippina aveva espresso forti “preoccupazioni” per un’eventuale elezione di Duterte, nel cui governo si vede il rischio di un ritorno ad una dittatura militare, almeno de facto. Alla pubblicazione dei risultati delle urne, la Chiesa filippina ha promesso “cooperazione vigile” con il nuovo leader.
 
“La mia opinione personale – continua mons. Pabillo – è che sia troppo presto per commentare i discorsi e le interviste del presidente neo eletto. Egli parla tanto e poi ritratta quello che ha detto, lo ha già fatto durante la campagna elettorale. Le sue parole causano grandi controversie e poi lui se le rimangia”.
 
Secondo l’ausiliare di Manila, “è vero che Duterte introduce un linguaggio di violenza e odio nel panorama politico, ma non so quanto di quello che dice sia propaganda, quanto provocazione e quali siano invece le sue reali intenzioni”. Per quanto riguarda la proposta di reintrodurre la pena capitale, “la morte non è mai la via per generare una vita migliore per tutti”. In ogni caso, una volta che Duterte “avrà confermato i suoi collaboratori e il suo programma, potremo esprimere i nostri commenti su di lui con cognizione di causa”.
NOTIZIE CORRELATE
9 Agosto 2018
The Los Angeles Times

The Catholic Church's opposition on the death penalty began with previous popes


By Mario Marazziti
29 Giugno 2018
BURKINA FASO

Il Burkina Faso elimina la pena di morte: un altro passo verso l’abolizionismo globale

26 Giugno 2018
Mons. Rodolfo Diamante, segretario esecutivo della Commissione episcopale per la pastorale carceraria presenta un libro contro la pena di morte

La Conferenza episcopale delle Filippine resta vigile sul tema della pena di morte


In occasione della memoria del dodicesimo anniversario dell'abolizione della pena capitale nel paese
18 Giugno 2018
BIELORUSSIA
La Bielorussia è l'unico paese europeo che ancora mantiene e applica la pena capitale, la sospensione delle due condanne è un fatto senza precedenti

La Corte Suprema bielorussia sospende due condanne a morte


la diplomazia francese era intervenuta lo scorso anno con un comunicato con il quale invitava la Bielorussia ad introdurre una moratoria contro la pena di morte
5 Maggio 2018
STATI UNITI

Robert Earl Butts Jr. è stato messo a morte per iniezione letale venerdì 4 maggio 2018

3 Maggio 2018
STATI UNITI
Per ora Robert è salvo! Ringraziamo per questi 90 giorni di sospensione e continuiamo a inviare appelli per la salvezza di Robert Butts Jr.

Il Comitato per la Clemenza della Georgia ha sospeso l'esecuzione di Robert Butts Jr a meno di 24 dalla esecuzione!


Continuiamo a inviare appelli
tutte le notizie correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
28 Novembre 2016
AP

High court to examine mental disability, death penalty issue
12 Novembre 2016
Internazionale

Si rafforza la pena di morte negli Stati Uniti
11 Novembre 2016

Al liceo classico “Socrate” di Bari, conferenza “Non c’è giustizia senza vita”
24 Ottobre 2016
New York Times

The Death Penalty, Nearing Its End
4 Giugno 2016
The Washington Post

Meet the red-state conservatives fighting to abolish the death penalty
tutta la rassegna stampa correlata

VIDEO FOTO
53
Video promo Cities for Life 2015
3:22

0 visite

0 visite

0 visite

9 visite

5 visite
tutta i media correlati