Le donazioni alla Comunità di Sant'Egidio sono fiscalmente deducibili
secondo la normativa vigente
 
Anche quest'anno è possibile destinare il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio
Scrivi il numero 80191770587 nella dichiarazione dei redditi

Andrea Riccardi: sul web

Andrea Riccardi: sui social network

change language
sei in: no pena di morte - città per la vita contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

 

Città per la vita


 
versione stampabile

Città per la vita, città contro la pena di morte

Sono oltre 2000 le città nel mondo che si sono dichiarate "Città per la vita" e si impegnano per l'abolizione della pena di morte.

La Giornata Mondiale delle Città per la Vita/Città contro la Pena di Morte, che si tiene il 30 novembre di ogni anno, rappresenta la più grande mobilitazione contemporanea planetaria per indicare una forma più alta e civile di giustizia, capace di rinunciare definitivamente alla pena capitale. 

Il 30 novembre ricorre l'anniversario della riforma penale, promulgata in quella data nel 1786 da Pietro Leopoldo di Lorena, Granduca di Toscana dal 1765 al 1790. Con tale riforma la Toscana divenne il primo Stato al mondo in cui si abolì la pena di morte, "conveniente - secondo Pietro Leopoldo - solo ai popoli barbari". Il 30 novembre è diventata una data fondamentale non solo per l'antico Granducato di Toscana, ma è l'inizio di un nuovo modo di pensare, rispettoso della vita e fondato su un'idea di giustizia più alta. 

In occasione della Giornata del 30 novembre i Sindaci sono coinvolti in un percorso di abolizione della pena di morte, facendo entrare la città che amministrano e i suoi cittadini all’interno di una rete internazionale. Si aprono occasioni di dialogo con amministratori di aree in cui la pena capitale è vigente e/o viene praticata. Ciò rafforza l’azione degli attivisti e delle organizzazioni abolizioniste.